BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il Sud, un dramma dove l'io (non) conta

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Oggi, mettere a tema il fatto che "Il Sud [dunque anche la Sicilia] è rimasto indietro" rispetto a ciò che potremmo considerare i tratti del moderno sviluppo socio-economico, come ha fatto il recente lavoro di Emanuele Felice edito da Il Mulino (Perché il Sud è rimasto indietro), costringe a una scelta inevitabile: fare spallucce e considerare l'argomento un topos impolverato della storia della cultura italiana, ovvio almeno come "la pizza italiana è la migliore", oppure riprendere in mano la "questione" in modo diverso, fuori da quelle riduzioni cui tutta la retorica meridionalista l'ha ridotta. 

Quest'ultima opzione va percorsa per due motivi: per un senso di responsabilità verso i nostri figli, che già all'ultimo anno di scuola superiore tremano, perché riempiono l'attesa del dopo-diploma con la nenia di "tanto di qua devo andarmene, perché qua non c'è niente"; perché la retorica meridionalista non ha inciso sulla società, sulla cultura del popolo e dunque non ha portato ad alcun cambiamento reale. 

Anzi, in parte ha peggiorato le cose, poiché ha cristallizzato l'immagine del Sud fino al punto da farla diventare il frame, la cornice interpretativa - anche di noi meridionali - di qualsivoglia fenomeno riguardante il Sud. Ricordo che qualche anno fa mi capitò di accogliere a  Palermo dei turisti parigini cui, un po' mortificata, spiegai la ragione dell'immondizia per le strade a causa dello sciopero prolungato dei netturbini. Rimasi stupita della loro reazione: "Mais chez nous aussi!". E mi spiegarono che anche Parigi aveva subìto lo sciopero dei netturbini e che per giorni la città era stata un cumulo di immondizie. A me venne quasi da dire "Ma come? Non è il Sud d'Italia la terra dell'immondizia?!". Evidentemente non solo. Altro cliché: gli insegnanti del Nord sono più bravi, poiché gli studenti del Nord raggiungono livelli scolastici superiori di quelli del Sud. Vero, ma quanti insegnanti del Sud insegnano al Nord? Di esempi come questo ce ne sono molti altri.

Forse è allora opportuno riconoscere che prima di porsi alcune domande, fondate sulle analisi "dati alla mano", bisogna recuperare un atteggiamento di apertura alla realtà. Altrimenti qualsiasi dato sarà "usato" per confermare il frame di partenza. Insomma, se ci interessa il destino dei nostri figli dobbiamo scegliere se ci interessa la realtà o l'immagine che abbiamo di essa.

Questo atteggiamento può portare a sgomberare il campo da false questioni.

Quando si dice "manca il lavoro al Sud" - che conferma il coro di "qui non c'è niente!" – c'è il rischio di esaurire la realtà in questo asserto. Invece la realtà è più grande e più complessa. Perché non è solo vero che "manca il lavoro", ma anche che "il lavoro cambia", cioè è diverso da com'era prima. 



  PAG. SUCC. >