BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ajello (Invalsi): valutiamo per migliorare le scuole, non per "castigare" i prof

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Prove Invalsi al via. Cominciano oggi le classi seconda e quinta primaria rispettivamente con la prova di lettura e di italiano (classe seconda) e di italiano (quinta). Continuano domani, 7 maggio, con la prova di matematica in seconda primaria e di matematica più il questionario studente in quinta primaria. Il 3 maggio sarà la volta della seconda superiore (prove di italiano, matematica più questionario studente) per concludere il 19 giugno con la prova nazionale per gli studenti di terza media (prova valida ai fini della valutazione finale). "Spero che sia recepita la preoccupazione di un rapporto diverso con le scuole, più diretto, più aperto, di maggiore ascolto" auspica Annamaria Ajello, presidente dell'Invalsi dal 5 febbraio scorso.

Lei in proposito quali iniziative ha assunto?
Ho cominciato con gli esperti di matematica un lavoro di confronto sulla prova di terza media, per arrivare a capire che cosa e dove si può migliorare, nel rispetto delle indicazioni nazionali. La valutazione serve a produrre miglioramento, non selezione. 

Che cosa si sente di dire a coloro che ancora remano contro le prove in quanto sono fatte a test? 
Bisogna convincerci che le prove Invalsi sono uno strumento. E uno strumento non è buono in qualsiasi situazione. In cucina non si può fare a meno del mestolo, anche se con il mestolo non si riesce a fare tutto. Allo stesso modo, le prove Invalsi non sono esaustive o rappresentative di tutta la didattica, nondimeno sono strumenti necessari per avere un certo tipo di informazioni. 

Tuttavia molti insegnanti restano contrari…
Chi insegna svolge un servizio pubblico, a tutti i livelli, dalle elementari all'università. Possono non esserci degli strumenti di confronto reciproco? Io non credo. I test Invalsi non sono un giudizio sulle persone, ma su una proposta di lavoro, su ciò che può essere rilevato in termini di competenze. Dobbiamo considerare queste prove soltanto come una informazione rispetto a una misura, senza esagerarne l'uso. Il che non vuol dire, però, rinunciarvi. L'importante è riuscire a trarne informazioni da usare in prospettiva per migliorare la scuola.

Sarebbe possibile "misurare i livelli di apprendimento in italiano e matematica" (sono parole del manuale ad uso dei docenti) senza usare prove standardizzate?
Se vogliamo misurare l'apprendimento all'interno di un sistema nazionale occorre trovare dei principi, anche economici, tali da restituire prove che possono essere utilizzate su tutto il territorio nazionale. Io professionalmente ho fatto molta ricerca qualitativa, che a me ovviamente piace di più, ma che ha il difetto di non essere estendibile a tutte le scuole. 

Ma lei come spiega l'opposizione, se non l'aperta ostilità, così ancora diffusa verso le prove? L'Invalsi ha sbagliato qualcosa?



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
06/05/2014 - Ahinoi (Valentina Timillero)

Può anche darsi che i test Invalsi siano perfettibili, o inutili (non credo), o che siano perfino sbagliati (non credo nemmeno questo), ma se anche fosse, da esterna (ma poi mica tanto, perché i figli a scuola sono miei) ciò che desta i maggiori interrogativi (non chiamiamoli sospetti) non sono le opinioni dei Sestito prima o delle Ajello oggi, ma l'acrimonia e l'ostilità che suscitano negli oppositori, di cui qui, a piè di pagina, per una coincidenza astrale, sono perfettamente rispecchiati tutti gli esponenti: il Politico (dàgli al legittimo nemico), l'Educatore (tale per mandato divino), il Legislatore (il mondo non funziona perché non osserva le leggi che si è dato). Uno specchio opaco e imbruttito della scuola di oggi. Ahinoi.

 
06/05/2014 - IL MESTOLO INVALSI PER LA SOLITA BUJACCA (Vincenzo Pascuzzi)

Se pure è vero che “in cucina non si può fare a meno del mestolo”, è però triste, avvilente e sterile che venga usato per rimestare la solita bujacca! Una minestraccia sgradevole (almeno per alcuni), che Invalsi comincia a confezionare in segreto con ben due anni di anticipo (Giorgio Israel) rispetto alla “somministrazione” forzata e seguendo lo stesso ricettario vecchio ormai di cinquant’anni (Benedetto Vertecchi)! "È l'esito del sospetto che le scuole hanno nei confronti di questi dati. Quando non c'è la fiducia reciproca scatta la difesa, con qualsiasi mezzo”. Questa è un’importante ammissione. Al riguardo, Invalsi e Miur intendono provvedere in qualche modo e come? Insistendo ancora con metodi unilaterali, autoritari-furbastri, da caserma o da riformatorio, oppure altrimenti? Non hanno nessun .... piano B? Possibile che nessuno a viale Trastevere o a villa Falconieri non ricordi l’esopica sfida tra il Vento e il Sole (http://www.lefiabe.com/esopo/ventosole.htm) e si ostini a soffiare? Se Miur e Invalsi vogliono recuperare davvero consenso e fiducia verso se stessi e le loro valutazioni, perché non rendono del tutto facoltative le prove? Giannini e Ajello non hanno idee, iniziative innovative, un po’ di coraggio? Infine e in previsione dell’esame di terza media, non sarebbe forse opportuno intervenire subito per eliminare la prova del 19 giugno? Oppure renderla facoltativa e non influente sul voto finale?

 
06/05/2014 - FACCIAMOLI MA NON SERVONO A NULLA! (Gianni MEREGHETTI)

Facciamoli, facciamoli i test INVALSI, non c'è problema, ma una cosa sia chiara e sarebbe ora di affrontarla, ed è che i test Invalsi non c'entrano nulla con la valutazione quotidiana che è fatta di compiti in classe, di interrogazioni, di domande aperte, di quesiti. Quindi noi abbiamo una scuola che procede con una valutazione ragionata e poi una volta all'anno ci arrivano i test dell'Invalsi che sono astratti rispetto alla vita normale della scuola. Questo è ragionevole? BOH! Io personalmente non capisco, mi sembra solo contraddittorio. I test sono prove da cui si vede se gli studenti oggi sanno affrontare questioni nuove rispetto a quelle normali, va bene così, ma non mi si venga a dire che fotografano la scuola, questa mi pare proprio una bella favola. Si abbia il coraggio o di fare sempre valutazioni a test, ma dovete passare sul mio corpo, oppure lasciare questa prova annuale a test con cui gli studenti si rendano conto del mondo verso cui vanno, un mondo dove tu vai avanti se sei abile nei test!

 
06/05/2014 - Perchè tanta resistenza ai test? (enrico maranzana)

Il titolo dello scritto è figlio del senso comune da cui sgorgano le resistenze frapposte ai test. Se la scuola fosse vista come sistema, se l’apprendimento fosse concepito in coerenza con il dettato della legge, se le norme che hanno disegnato la struttura decisionale scolastica fossero applicate, se la progettazione caratterizzasse la vita di tutti gli organismi della scuola, se le sinergie tra insegnamenti fossero capitalizzate .. il conflitto miglioramento-punizione non esisterebbe. L’invalsi è un corpo estraneo per la scuola in atto. Se si apre un POF si può constare la sua caratterizzazione: la trasmissione della conoscenza, non la promozione delle competenze, comportamenti che le prove Invalsi tendono a misurare. In rete “Sanare l’anomalia genetica dell’Invalsi”, “Prove Invalsi: un’occasione per risanare la scuola”, “L’Invalsi: un edificio dalle fondamenta traballanti”, “L’autovalutazione d’istituto: quanta confusione!” tratteggiano alcuni nodi critici.