BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MATURITA' 2014/ Prima prova, l'ABC per evitare gli errori che non si vedono

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

La tipologia D spesso illude, perché sembra la più semplice, ma il tema è di ordine generale, non generico: se si fraintende il termine la prova può diventare il festival dei luoghi comuni, e il commissario non sarà molto contento nel doverlo correggere! Per sceglierla dunque è necessario avere fatto qualche lettura in proposito. 

La seconda questione interessa i tempi della composizione. È vero che ci sono a disposizione molte ore, quindi c'è tutto il tempo per organizzare uno scritto, ma è anche vero che la stanchezza rende meno lucidi, quindi nelle prime quattro ore è necessario avere impostato il lavoro in modo compiuto, così da destinare le ultime due ore ad ampliamenti e correzioni. Ciò significa che la decisione sulla scelta della tipologia non deve superare la prima ora ed è necessario impostare un piano di lavoro prima di cominciare a scrivere.

La terza questione riguarda poi la modalità della stesura, soggetta alla valutazione. Il primo criterio di valutazione è la chiarezza nell'esporre una tesi ben argomentata. Se ad una prima lettura il commissario ha capito la tesi e sono consequenziali gli argomenti, la sufficienza è pressoché assicurata. Bisogna evitare quindi la pretesa di comporre l'opera d'arte capace di stupire i professori; è meglio pensare che i professori devono correggere in poche ore molte prove e sono grati a chi sa scrivere in modo chiaro e comprensibile, in tutti i sensi. Un altro criterio di valutazione è l'originalità, che si raggiunge attraverso una capacità di giudizio e di lettura personale del problema. Questa è la ragione ultima della prima prova, e, durante la correzione, risulta essere evidente quando lo studente ha raggiunto una capacità critica o quando ripete luoghi comuni. 

Il cosiddetto "tema di maturità" viene considerata la modalità di presentazione dei candidati per la complessità della prova, dunque la comprensione ordinata di tutti i suoi fattori non è secondaria nella sua composizione.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.