BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

RIPASSO VERSIONE DI GRECO MATURITA' 2014/ Seconda prova, il consiglio della prof su cosa fare il giorno prima (Esami di Stato)

Pubblicazione:

(Infophoto)  (Infophoto)

RIPASSO VERSIONE DI GRECO MATURITA' 2014, LA VIGILIA: I CONSIGLI DELLA PROFESSORESSA (ESAMI DI STATO) – Dopo sei ore di tema, i maturandi hanno un pomeriggio e una serata per riposare in vista della seconda prova di domani, dominata dai test di matematica e greco. Ma la vigilia non tutti la vivono allo stesso modo: c’è chi staccherà la testa per qualche ora (o per lo meno tenterà di farlo) e chi invece si butterà a capofitto, in pieno loop maturità, tra gli appunti e le formule di mate o il dizionario e i libri di greco. Abbiamo così sentito Cecilia Bellucci, docente di greco e latino: “I miei ragazzi hanno finito alle 15.00, sono stordita anche io! Gli direi di andare in piscina questo pomeriggio! Oppure una bella passeggiata e poi andare a dormire presto per riposare il giusto”. Prendersi dunque mezza giornata di stop dallo studio non sarebbe dunque cosa malsana, anzi: “Domani l’impegno è grosso e richiede mente fresca; arrivare in condizione di poter ragionare lucidamente è l’obbiettivo. Per una versione di greco l’esercizio non si improvvisa, quindi l’esperienze che si è accumulata nel tempo darà i suoi frutti”. Insomma, il miglior ripasso è l'otium latino, ovvero liberare la mente o richiamare quei concetti base senza angoscia di memorizzare da zero nuove nozioni. Confidando di aver lavorato davvero durante l'anno. Ma quando ci si approccia a un testo da tradurre, qual è il decalogo da seguire per fare un buon lavoro? “Leggere molto bene il testo (a partire dal titolo), più di una volta e poi non attaccarsi subito al dizionario come fosse un’ancora di salvataggio; il dizionario non risolve i problemi da solo”. Poi? “Analizzare bene il testo facendosi una chiara idea della struttura sintattica dello stesso (sottolineando i verbi per esempio, oltre ai punti di criticità; è una cosa che aiuta a comprendere il tutto). Dunque, con pazienza e attenzione, procedere alla traduzione, avvalendosi quando serve del dizionario. Il tempo non mancherà, perciò niente ansia, ma calma e gesso. È un lavoro che va fatto a fasi e che prevede un continuo aggiustamento”.



© Riproduzione Riservata.