BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Tfa e Pas, ministero nel caos: tutti gli scenari possibili

Pubblicazione:

Il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini (Infophoto)  Il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini (Infophoto)

Se vengono avviati i ricorsi annunciati gli scenari possibili non sono certo buoni. È molto probabile, però, che i sindacati non li lancino prima del consolidamento delle posizioni nelle Gae e della conclusione della trattativa per il recupero degli scatti del 2012 (sono tutti interessi del "pubblico pagante"…); e magari neanche prima che vengano versati i contributi per le prove di selezione del Tfa e di iscrizione ai corsi da parte degli ammessi. Alla fine, però, il ricorso alla magistratura sarà inevitabile; anche perché tanti ricorsi sono altrettanti introiti facili per chi li gestisce.

Cosa accadrebbe se "tieffini" e "passisti", invece di farsi la guerra e rovesciarsi addosso accuse ed insulti, per lo più gratuiti, si guardassero in faccia e si riconoscessero come le due facce di una stessa moneta che appartiene a loro, ma che altri spendono per i propri interessi? La risposta possono darla solo loro; ma per farlo debbono incontrarsi, parlarsi, non combattersi. Intanto si preparano altri teatri di "guerre tra poveri". Dopo che il ministro Giannini ha sdoganato gli idonei del concorso 2012 per le immissioni in ruolo dei prossimi anni, a protestare stavolta sono i precari delle Gae; situazione diversa, ma argomentazioni identiche. La logica? Sempre quella del "si salvi chi può".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.