BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Alla ricerca della "memoria" perduta

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Certo il "disagio" di fronte al timore di non aver aiutato i nostri studenti ad aprirsi adeguatamente al presente non sparirà, ma, convinti che in ogni caso l'esito dell'azione educativa non è in mano nostra, se riscopriamo l'impianto antropologico della dimensione storica e proviamo ad operare didatticamente di conseguenza (tra gli insegnanti, posso testimoniarlo personalmente, ci sono varie forme di libera aggregazione civile volte a sostenere questa prospettiva) saremo più consapevoli della grandezza del nostro compito ed insieme della necessità di rinnovare continuamente la nostra didattica, perché come dice papa Francesco: "Gli insegnanti sono i primi che devono rimanere aperti alla realtà. (…) se un insegnante non è aperto a imparare, non è un buon insegnante, e non è nemmeno interessante; i ragazzi capiscono, hanno 'fiuto', e sono attratti dai professori che hanno un pensiero aperto, 'incompiuto', che cercano un 'di più', e così contagiano questo atteggiamento agli studenti".



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.