BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ La "concertada", dalla Spagna un esempio di vera parità scolastica

Pubblicazione:giovedì 7 agosto 2014

Infophoto Infophoto

 Per approfondire la conoscenza della scuola concertada e delle condizioni in cui si trova ad operare, abbiamo rivolto alcune domande ad Angel Mel, fino a pochi anni Cfo di una multinazionale e ora direttore del Collegio Internazionale Kolbe, ubicato a Villanueva de la Cañada, un centro concertato che svolge la sua attività dalla scuola materna sino alle superiori nella zona nord-ovest della Comunità di Madrid.

 

Angel, esiste in Spagna una scuola gestita da privati ma riconosciuta a tutti gli effetti (anche economici) come servizio pubblico?

In questi anni c'è stata una vera e propria battaglia perché venisse considerato il servizio educativo della scuola "concertada" alla stregua del servizio pubblico. Ad oggi, tuttavia, continua a non essere riconosciuto tale fino in fondo. Leggendo la nuova legge sull'educazione (Lomce - Legge Organica per il Miglioramento della Qualità Educativa) si percepisce con chiarezza che la scuola "concertada" –anche se gratuita- non gode delle stesse condizioni della scuola statale, dato che continua ad essere considerata sussidiaria ad essa piuttosto che il contrario. Per esempio, in alcune comunità autonome si nega il diritto di avviare delle classi semplicemente per il fatto che esistono posti vacanti nelle scuole pubbliche. Quindi, si nega il diritto alla libera scelta dei genitori di portare i figli alla scuola superiore che desiderano.

 

Eppure lo Stato la sostiene economicamente…

Occorre precisare che l'insegnamento, benché sia gratuito per legge, in realtà non lo è fino in fondo. Se una scuola superiore "concertada" vuole dare qualità all'educazione, non riesce a farlo con il solo finanziamento economico dell'accordo, siccome questo copre "solamente" tra il 70 e l'80% del costo dell'insegnamento. C'è un altro dato, poi, per verificare l'interesse dello Stato nei confronti della scuola "concertada": mentre gli investimenti di una scuola superiore pubblica devono essere pagati interamente dalla pubblica amministrazione, nel caso di una scuola "concertada" devono essere pagati interamente dai suoi promotori. Perché –ci chiediamo- la pubblica amministrazione non è maggiormente interessata all'esistenza di scuole "concertadas"?

Un'ultima nota. Nelle regioni dove governa il Partito Popolare si è più rispettosi del lavoro sociale che fanno le scuole "concertadas" nonostante sia comunque una posizione timida, mai determinata.

 


< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >