BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Scegliere quella giusta? Non fatevi distrarre da un iPad…

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Altre volte registro una sfasatura iniziale che risale al momento della scelta. "Voleva fare l'ITI, ma suo padre ha insistito per il liceo" è una frase tipica di alcune madri. Lo stereotipo del liceo come scuola di prestigio indubbiamente regge ancora, sia per chi vorrebbe che i figli rifacessero il  proprio percorso di studi, sia per chi vorrebbe che i figli facessero quel percorso liceale  che al genitore è stato negato. 

In chiave orientativa, allora, a cosa occorre guardare per capire quale può essere il percorso scolastico più adatto per i nostri figli?
Non conosco una regola universale con cui capire sempre il percorso più adatto. Ma certo serve uscire dagli stereotipi che mettono in ordine gerarchico gli indirizzi, per entrare nel merito di ciò che caratterizza quella scuola tecnica o professionale, piuttosto che quel liceo. E' difficile che un ragazzo con basse motivazioni allo studio le trovi dentro un percorso più astratto, mentre è possibile che un approccio basato sul fare, sul lavoro come "metodo di conoscenza" riapra interessi anche verso lo studio più astratto. Ma in questo non basta che la scuola sia ad indirizzo tecnico o professionale. Ci sono ITI che sono più "formali" dei licei classici e altri che invece perseguono un rapporto col fare teso a riscoprire il suo valore per il pensare. 

Non sempre l'opinione di genitori e figli, su quale sia la migliore scelta del percorso scolastico superiore, coincide. Chi è meglio che abbia l'ultima parola, nel caso di una divergenza apparentemente "insanabile"?
Sconsiglio vivamente ogni intervento meramente oppositivo rispetto ad una scelta ben delineata del figlio. Contrariamente a quello che spesso ci sentiamo dire, anche a tredici/quattordici anni si possono prendere delle decisioni e portarne le conseguenze, positive e negative che siano. Ai genitori spetta il compito, tipico dell'adulto, di aiutare la rappresentazione di tutti i fattori in gioco in una scelta, aiutando a rendere esplicite le motivazioni per una scelta.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.