BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Gay o no, non permettiamo al pensiero unico di dire chi siamo

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E' dell'altro ieri la notizia che lo studente di una scuola di Monza è stato allontanato dalla classe, per preservarlo (dice il preside) dal possibile e disgustoso accanimento (eventuale dico io) dei suoi compagni di classe in relazione ad una fotografia che ritraeva il ragazzino in atteggiamenti omosessuali.

La storia non è chiara e va da sé, come anche ne ha scritto su questo giornale Roberto Persico, che prima di definire l'azione del preside come un atto di lesione dei diritto oppure una buona azione sociale in difesa di qualcuno, di tempo ce ne vorrà. I contorni sono scuri e, spesso, la verità delle cose si intreccia a menzogne che invece si manifestano come principi sacrosanti.

Al di là della vicenda in sé, ciò che emerge sui giornali è soltanto una battaglia politica e culturale che cerca di strumentalizzare in un modo un po' infantile, ma efficace, la vicenda stessa. Nella quale, per ora, non intendo entrare; se ci sono stati errori verranno appurati, si spera senza l'onda del moralismo imperante che purtroppo aleggia in ogni aspetto dell'esistenza umana in quest'epoca. Quello che mi preme sottolineare è ciò che oramai passa inosservato e che, credo, rappresenta il punto nevralgico di tutta la discussione che riguarda anche l'approvazione delle unioni civili, come anche le sue conseguenze sociali.

In questa vicenda emerge chiaramente che oramai l'identità viene schiacciata, strutturata e composta quasi solo ed esclusivamente dall'orientamento sessuale. Lui, quel ragazzo, innanzitutto è definibile nel suo orientamento sessuale. Lui è gay. Cosicché, a partire da questa riduzione, si possa aprire un battage politico a difesa di certe presunte posizioni che invocano la libertà in nome dell'identità auto-costruita. 

E' mai possibile definire l'identità di un uomo per il proprio orientamento sessuale? Come se noi, ciascuno di noi, fosse definito per il lavoro che fa o non fa, per la generosità che ha e per quella che non ha e conseguentemente, venisse misurato e approvato (o disapprovato) socialmente, essenzialmente per gli atti che compie.

Un assassino, anche il peggiore, non è un assassino. E' tale per gli atti compiuti, per la legge, per la pena da espiare, ma lui, quell'assassino, non è solo quello. Non può esserlo. Per una semplice ragione: anche se lo è stato, nulla garantisce che lo sia, nulla garantisce che lui, in un altro atto, non possa far diverso. Lui come noi. Possiamo tradire un nostro amico e poi la volta dopo cercare disperatamente di riaffermarne il legame sincero. Eppure siamo stati traditori e contemporaneamente fedeli. Potremmo pagare socialmente per la nostra azione di tradimento, ma noi non saremmo mai definibili esclusivamente con quel  gesto compiuto. 



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
01/10/2015 - Semmai... (Khan Kubla)

Semmai, non permettiamo al pensiero unico di negarci la libertà di esprimere ogni parte di noi stessi, anche la nostra omosessualità.

 
01/10/2015 - Clamore mediatico (Khan Kubla)

Nessuna reductio ad unum. Si tratta della denuncia di una possibile (a leggere bene le dichiarazioni del direttore e della madre, probabile) pessima gestione di quella che vorrebbe essere un'istituzione educativa. Il clamore che ne è derivato era inevitabile, e non perché ci sia un pensiero unico dominante (?); ma perché la paura del diverso, la pavidità nell'affermare con forza il principio di non discriminazione e una imbarazzante pruderie mal si conciliano con l'idea di scuola delineata dalla nostra costituzione.

 
01/10/2015 - homo (roberto castenetto)

Infatti le categorie di omosessuale o eterosessuale sono orribili. Siamo innanzitutto uomini. La lingua latina come sempre insegna: homo, che poi si declina in vir e femina. Ma proprio per questo la battaglia sulla questione del gender (pardon, del genere) è fondamentale e per nulla ideologica, affinché non sia stravolta la visione ragionevole dell'essere umano.