BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ La guarnigione attende, ma l'autonomia quando arriverà?

Pubblicazione:

Da un disegno di Dino Buzzati (Immagine dal web)  Da un disegno di Dino Buzzati (Immagine dal web)

Non vanno sottovalutate, poi, le poderose spinte di chi resta convinto che l'istruzione debba restare prerogativa dello Stato in tutte le sue forme, comprese quelle gestionali, e che solo lo Stato sia in grado di garantire l'equità formativa. Non danno segni di cedimento, inoltre, le letture ideologiche del principio della libertà scolastica da parte di quelle forze politiche (in specie di sinistra) che temono che un'autonomia a regime totale costituisca la logica premessa per il passaggio del sistema scolastico alla logica cosiddetta "del mercato". 

Sulla scelta di un'ennesima dilazione del governo Renzi in materia di autonomia, nonostante tante dichiarazioni in senso contrario (emblematica la rinuncia a riformare la governance scolastica che resta quella della "partecipazione" degli anni 70), si possono formulare solo ipotesi e illazioni. A questo punto la domanda è quasi obbligatoria: quando sarà (se sarà) ripreso il discorso? 

L'attesa del compimento dell'autonomia da parte di un'intera generazione di insegnanti fa pensare al romanzo di Buzzati, Il Deserto dei Tartari e al suo sfortunato protagonista, il tenente Drogo, che trascorre nel remoto forte Bastiani l'esistenza scandita da ritmi immutabili in attesa di un evento invano atteso per tutta la vita che arriverà quando, ormai anziano e malato, dovrà lasciare la fortezza. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.