BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BAMBINA CON L'AIDS/ Scuola media le nega la frequentazione: apprendimento a distanza

Una scuola media in provincia di Napoli rifiuta la frequentazione a una bambina malata di Aids, la lettera dei genitori al ministero dell'istruzione che accusa le autorità

Immagine di archivio Immagine di archivio

Con una lettera aperta pubblicata oggi sul quotidiano Avvenire e indirizzata anche al ministro dell'istruzione una famiglia denuncia il caso grave accaduto alla figlia che hanno in affidamento. La ragazzina ha l'Aids, ma come provano i suoi certificati medici e anche gli studi scientifici di tutto il mondo non è certo contagiosa. Nella lettera si legge che a luglio scorso il preside aveva accettato l'iscrizione nonostante il numero massimo fosse già stato raggiunto. L'Ufficio provinciale scolastico di Napoli aveva dato la sua autorizzazione, ma quando a settembre la scuola è cominciata la scuola ha indirizzato una nuova comunicazione alla famiglia: "Le domande di nuove iscrizioni vanno oltre il limite massimo dei posti complessivamente disponibili nella nostra scuola, limite definito sulla base delle risorse di organico e relativamente alla capienza delle aule dell’edificio scolastico, come predisposto dagli enti competenti e pertanto allo stato attuale non possono essere accolte". A questo punto è stata offerto "l'apprendimento a distanza". Il sospetto è che si sia deciso di lasciarla fuori perché appunto malata di Aids. Così scrivono i genitori affidatari nella lettera: "A un mese e mezzo dall'inizio dell'anno scolastico ci rivolgiamo a lei, signora ministro, perché non possiamo accettare una vicenda vissuta come una violenza istituzionale: è chiara la discriminazione perpetrata nei confronti della bambina da parte della scuola statale. È vero, signora ministro, che parte della scuola, in Italia nel 2015, ha paura?". Il vescovo di Aversa si è reso disponibile ad accogliere la bambina in una scuola della diocesi, ma lo stato evidentemente non la vuole.

© Riproduzione Riservata.