BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PRESEPE VIETATO A SCUOLA/ La stupidità di chi non vuole tornare bambino

Pubblicazione:

Presepe in una scuola elementare (Immagine dal web)  Presepe in una scuola elementare (Immagine dal web)

Parlare di minacce e di turbamenti davanti ad una scena del genere, è grottesco, assurdo. Abbiamo visto da poco, e continuiamo a vedere, cosa fanno le vere minacce e cosa è il vero turbamento. Il sangue per le strade è ancora là. Non voglio fare lezioni o portare ragioni, culturali o religiose che siano, a favore del presepe, perché il presepe non ne ha bisogno. Ha bisogno solo di sguardi e stupore, come le lucine. Ha bisogno di bambini che sappiano guardare la realtà, arabi o italiani che siano. Se tiriamo fuori il naso dalle sciarpe, ecco mamma e papà che vanno a prendere a scuola il proprio figlio che ha il lavoretto di Natale nello zainetto. Tutti a casa per le vacanze di Natale. Lo dicono le parole, i fatti. Da sempre è un bambino che porta i doni a Natale: sia che sia la Salvezza, sia che sia una stellina di pasta Barilla dorata col pennello e incollata sul biglietto. Arrivo a dire che puoi togliere la Sacra Famiglia dal Natale ma non puoi togliere il Natale dalla famiglia. Non offendi nessuno perché siamo noi quella famiglia. Tutti noi. E quando fai il presepe, in ogni caso, la Sacra Famiglia che hai fatto uscire dalla porta, rientra dalla finestra.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.