BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Se non insegna nemmeno a vendere un'auto usata

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Per superare l'impasse gli propongo una tregua (è quasi sera) e gli dico che ci risentiamo domani con le idee più chiare. Riparto da Venosa verso Rionero, il paese dove sono nato, con la speranza che la notte porti consiglio. Manco il tempo di arrivare a casa di mio fratello e mi squilla il cellulare.

— Franco – mi dice Arcangelo — ho risolto: allora tu mi dai l'assegno, io l'incasso e fra una settimana facciamo il passaggio.

Devo prender la palla al balzo: — Arcangelo facciamo così, io ti firmo un assegno per l'anticipo, firmiamo un contratto preliminare, il giorno del passaggio andiamo in banca, tu ti fai dare un "benefondi", firmiamo il passaggio e contestualmente ti consegno l'assegno a quel punto verificato.

— None, fidati, tu mi dai l'assegno, io l'incasso e poi io firmo.

La trattativa rischia lo stallo e mi si illumina la mente.

— Arcangelo, se il problema è il rischio dell'assegno scoperto possiamo risolvere con un assegno circolare.

— E che iè mo' st'assegn circolare?

— L'assegno circolare sono soldi, possibile che non lo conosci?

— Franco, gli assegni possono essere nvcant (a vuoto, nda).

— Il circolare proprio no, ti spiego come funziona: io vado in banca e verso i soldi o li prendo dal conto e con quello chiedo l'emissione di un  assegno circolare intestato a tuo nome. Non ci sono rischi. D'accordo?

— None, io incasso l'assegno e dopo firmo.

— Arcangelo, tu vuoi garanzie e va bene, ma così che garanzie ho io?

— Franco, fidati, non sono un malfattore.

Questo non fa parte del dialogo ma è la mia considerazione mentale immediata. No, Arcangelo, non sei un malfattore, sei solo il prototipo dello studente medio italiano, che non ha manco competenze di cittadinanza minime e vive in una realtà che non conosce e, perciò, non capisce. Il marziano per Arcangelo sono io. E' tardi e chiudiamo la conversazione dicendoci che l'affare non è fatto. La mattina seguente, dopo averci pensato tutta la notte, gli mando questo sms: "Arcangelo mi pare assurdo che dopo aver trovato l'accordo sul prezzo non riusciamo a concludere. Ti faccio una proposta: vediamoci verso le 18 a Rionero per un caffè. Ti fai accompagnare da un amico o da una persona di cui ti fidi ed esperto di questioni legali e vediamo di risolvere".

La sua risposta. "Franco, tu non hai capito, io non ho bisogno di vendere prima mi dai i soldi e poi firmo altrimenti nn (scrive proprio così anche negli altri messaggi, le abbreviazioni del linguaggio degli sms è pure oggetto di studio) fa niente". 



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >