BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Decreti Renzi, i difetti (e le vie d'uscita) di una "riforma" senza coraggio

I decreti della Buona Scuola, annunciati per il 28 del mese, intendono prendere di petto il problema dei precari ma non lo risolvono. Dunque non sarà una riforma. GIOVANNI COMINELLI

InfophotoInfophoto

La "Buona Scuola" si avvicina al suo passaggio a Nord-Ovest. Non è detto che riesca a trovarlo. In attesa che arrivino i decreti, previsti per il 28 febbraio, qui si può solo andare in avanscoperta per una ricognizione del terreno. 

La prima asperità è quella dei 148mila precari, che il documento promette di assumere subito. L'esercito del precariato è frammentato sia territorialmente sia nel sistema scolastico. Gli iscritti alle graduatorie ad esaurimento (Gae) non sono tutti precari e non sono tutti i precari. Non tutti precari, perché qualche decina di migliaia sono già di ruolo in un qualche ordine di scuole. Solo che, mancando una carriera, l'unico modo per aumentare le retribuzioni è quello di fare il salto quantico, da un'orbita dall'altra del sistema scolastico. Perciò si iscrivono nelle liste di attesa di un altro ordine.

Ma, soprattutto, le Gae non contengono tutti i precari. Molti giovani supplenti, immessi nelle graduatorie di istituto, non sono compresi nelle Gae. I sindacati difendono le Gae e stop. Il che apre conflitti "in seno al popolo" di non facile soluzione: il ministero dovrà barcamenarsi tra diritti acquisiti di vario genere e non imprevedibili ricorsi ai Tar di coloro che saranno tagliati fuori. 

E qui torna un altro divide: quella tra Nord e Sud. Al Sud, misteriosamente ma non troppo, i precari sono proporzionalmente assai più numerosi che al Nord. La Sicilia, come scrive il rapporto della Fondazione Agnelli, ne ha 20mila. Aumentano i docenti in attesa di lavoro, diminuiscono gli alunni. Ma anche dove i precari sono meno numerosi, non c'è corrispondenza tra la domanda formativa della scuola e l'offerta del mercato dei precari. 

Pertanto, si prospetta realistico un rischio: che attorno a un nucleo di docenti di ruolo si crei una cerchia di docenti cosiddetti "funzionali", che si fanno girare per la scuola, alla ricerca di un impiego utile e provvisorio, ma per niente affatto coerente con le conoscenze/competenze di cui dispone questa minoranza di docenti. Pagati, ma funzionalmente intercambiabili e di nuovo sostanzialmente precari. 

Ci sarebbe una via parziale di uscita: far saltare la fortezza delle classi di concorso, che attualmente infilano su binari predefiniti i profili in uscita dalle università e li parcellizzano ulteriormente, in base a logiche amministrative e sindacali, per andare, invece, verso un insegnante polivalente. Per vedere una tale figura all'opera, occorre a monte definire un itinerario formativo più flessibile e rigorosamente certificato. Sotto i titoli di laurea, spesso si nasconde tutt'altro rispetto al dichiarato. 

Dietro la prima asperità, si intravede una montagna più grande: quella della valutazione del merito. Abbandonata l'idea improbabile e insostenibile finanziariamente di premiare ogni tre anni i due terzi (66%) di tutti i docenti di ogni scuola (o rete di scuole) che abbiano maturato più crediti nel triennio precedente, resta per intero il problema di come identificare e come premiare gli insegnanti migliori. 


COMMENTI
19/02/2015 - Buona Scuola: un anno di sole chiacchiere (1/3) (Vincenzo Pascuzzi)

Troverà il passaggio a Nord Ovest? Si chiede Giovanni Cominelli. Intanto i controsoffitti crollano quasi uno a settimana. Sono controsoffitti che .... gufano, sono di sinistra e (mal)sindacalizzati, ovviamente! Torniamo alla Buona Scuola in cerca del passaggio a Nord Ovest mediante decreti-legge. Non è sicuro che questo passaggio esista davvero, sia sgombro e praticabile, non si sa se la nave Buona Scuola (galeone, caravella, vascello, feluca, fregata, kayak ....?) regge bene il mare, né se il suo comandante o ammiraglio è esperto e sobrio, se la ciurma, o equipaggio è congruo e collabora oppure cova l’ammutinamento. Torniamo a considerazioni più serie e meno irriverenti. La prima è che in un INTERO ANNO si sia molto parlato e promesso, poco o nulla realizzato o progettato. Era il 24 febbraio 2014 quando Renzi gratificò la scuola come questione prioritaria. È passato un anno e il governo anticipa informalmente (vuole sondare il terreno) l’adozione della SUA riforma a mezzo decreti-legge (con uso massiccio e improprio dell’art. 77 Cost.). La riforma è SUA, solo del governo, perché verrà CALATA DALL’ALTO, tradendo le ripetute rassicurazioni contrarie: sindacati e mondo della scuola conosceranno i contenuti una volta emanati i decreti-legge e all’interno dei 60 giorni utili per la loro approvazione. Lo ha confermato il ministro Giannini tre giorni fa nell’incontro di gelida e formale cortesia con i sindacatoni.

 
19/02/2015 - Buona Scuola: un anno di sole chiacchiere (2/3) (Vincenzo Pascuzzi)

Altra questione è quella dell’assunzione/regolarizzazione di 148mila precari (v. sentenza UE). È stata una furbizia saldare alla riforma queste assunzioni dovute, presentandole imbellettate come esca o falsa contropartita per sottrarre ancora risorse e diritti (i decreti diranno quanto e cosa) al mondo della scuola. E sorge il dubbio se gli uffici periferici saranno in grado di gestire in modo adeguato e tempestivo un tale esercito di neo-assunti. L’ipotesi di G.C. di “far saltare la fortezza delle classi di concorso” somiglia quasi all’aneddoto (falso e costruito) del “facite ammuina”. Terza questione: la valutazione del merito. È ormai un tormentone asfissiante, un mantra angosciante, un fischio spaccatimpani. Dal 2008 almeno, con la rimpianta Gelmini, l’ottimo Abravanel, i test o quiz Invalsi “OGGETTIVI!”, ecc., non riescono (i politici al governo) a realizzare una qualsiasi cosa, né riusciamo (il mondo della scuola) a liberarcene in termini di dialettica e di ricatto verbale (i fannulloni, gli incapaci, i troppo severi, .... uff!). Il rifiuto, la contrarietà NON È (ripeto NON È) verso la valutazione, ma è nei confronti di valutazione a quiz, superficiale, inquisitoria, fiscale, finalizzata a punire (o minacciare di punire) quasi con malvagità, pregiudizio, sadismo, per addossare ai docenti tutte le colpe e le omissioni che sono dei politici (sindacatoni compresi) e della gerarchia ad essi ossequiente. Insomma contro una (s)valutazione inadatta, stracciona!

 
19/02/2015 - Buona Scuola: un anno di sole chiacchiere (3/3) (Vincenzo Pascuzzi)

In realtà il problema della valutazione e del merito, così enfatizzato e reso ossessivo, serve per nascondere, occultare, togliere priorità alla questione vera ed enorme delle retribuzioni miserevoli di TUTTI i docenti. Così il primo gennaio, Daniele Manni scrive a Matteo Renzi: «La prima [azione concreta], a rischio di sembrare banale, è quella di RENDERE SEMPLICEMENTE “DIGNITOSO” LO STIPENDIO che ci viene riconosciuto, perché oggi, dignitoso, non lo è affatto» (vedere in rete ansa.it; “'Ecco la buona scuola', lettera aperta di Daniele Manni al premier Renzi e al Ministro Giannini e ai referenti dell’Istruzione in Italia”). Adesso che il Miur è a totale gestione Pd (Renzi, Giannini, Faraone, Puglisi, Malpezzi, ....), al Pd andrebbe chiesto se e dove, nella riforma decretando, si possono trovare tracce del suo programma elettorale (2013) oppure che fine ha fatto questo programma. Ricordiamo in particolare tre impegni importanti, monitorabili e verificabili perché espressi con numeri: “Vogliamo riportare gradualmente l’investimento almeno al livello medio dei Paesi OCSE (6% del Pil)” e “il nostro Paese ha bisogno di raddoppiare il numero dei laureati (20,3% nel 2011 – da 30 a 34 anni) e dimezzare la dispersione scolastica (al 18,8%.) entro il 2020".