BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

PARITA' DI GENERE/ Trieste: negli asili maschi e femmine si scambieranno vestiti e giochi

Pubblicazione:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

E' il gioco del rispetto, sottinteso quello di genere, che si applica in un asilo di Trieste. I piccoli, dai 3 ai 6 anni, sono invitati a disegnare i genitori che si scambiano i ruoli: il papà che fa il casalingo, la mamma che fa l'idraulico. Non solo: si scambiano tra di loro anche i vestiti, le femmine fanno il principe azzurro, i maschietti la principessa. Si tratta del progetto ludico-educativo a cura della regione Friuli Venezia Giulia intitolato "Pari o dispari, il gioco del rispetto". Pare poi che gli insegnanti potranno riprendere filmando tutto quanto succede in classe. In realtà fino a oggi si è trattato di un esperimento in quattro scuole, ma adesso si parte con 45 classi su base regionale. Va detto che l'attività è facoltativa, non obbligatoria: insegnanti e genitori possono decidere di non praticarla. Intanto la diocesi di Trieste ha commentato negativamente: "È il tentativo, occultato ma evidente non tanto di insegnare il rispetto tra persone, ma d'indurre la nota ideologia del gender". Gli asili riceveranno dei questionari da far compilare alle maestre del tipo: "Quanto è diffuso l'uso del rosa, fucsia, blu e nero?".  "Quali giochi genderizzati, come passeggini e cosmetici, sono presenti?". "Capita che i maschi provino travestimenti?". Anche i bambini dovranno rispondere:  "Come si può distinguere un bambino o una bambina? C'è qualcosa che non è permesso indossare?".



© Riproduzione Riservata.