BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DDL SCUOLA/ Aprea: bravo Renzi, hai preso le cose buone della mia riforma. Ma…

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

C'è una fase transitoria, perché la Buona Scuola iscrive negli albi le 100mila unità inserite nelle graduatorie a esaurimento. E' una scelta politica che non commento, anche se mi limito a dire che prescinde dai fabbisogni delle scuole e immette personale docente senza una preventiva valutazione. Ma io sono preoccupata anche per la fase a regime. Non si può prevedere per accedere all'insegnamento un percorso ad ostacoli fatto da: una selezione in ingresso alla scuola di specializzazione per la formazione iniziale, una selezione in uscita con l'esame abilitante, il tirocinio con annessa selezione — e siamo già a sei anni di formazione — e alla fine affidarsi a un concorso statale, centralizzato, costoso, lungo e inefficiente. E poi, solo chi supera questo concorso può essere inserito negli albi per poi ricevere proposte di incarico dalle scuole? Secondo me è un vicolo cieco.

Quindi?
Renzi dovrebbe essere coerente con la scelta fatta, e quella degli albi territoriali è senza dubbio la migliore. Assolta la formazione iniziale e l'abilitazione, si rimandi alle reti di scuole attraverso la forma del concorso di rete per la chiamata diretta dei docenti. Che fanno gli anni di prova e di valutazione nelle scuole, dopo tre anni diventano di ruolo e dopo tre anni possono o rimanere nella scuola dove hanno lavorato, o fare domanda di trasferimento presso altre reti o Regioni. 

Nel ddl il dirigente scolastico ha indubbiamente più poteri, ma il ruolo che gli è attribuito è compatibile con gli organismi collegiali che conosciamo?
Sicuramente no, e infatti all'articolo 21 il governo chiede una delega per riformare gli organi collegiali. Quella delega è amplissima, ma tutto dipende dai princìpi e dai criteri della delega, che mi aspetto che il parlamento arricchisca. Serve una rivisitazione degli organi collegiali intesi come organi di governo. Staremo a vedere.

Le insiste molto sulle reti di scuole, perché?
Ma perché le reti di scuole sono già una realtà, il sistema ne tiene conto per molti aspetti importanti, dalla valutazione all'alternanza scuola-lavoro, ai rapporti con le imprese, all'assegnazione dei docenti fatta dagli Usr. Demandare in toto gestione e reclutamento del personale e parte budgetaria al singolo istituto è molto meno efficace ed efficiente. 

E per quanto riguarda la carriera dei docenti?
Che sia il dirigente a premiare i docenti è un fatto assolutamente positivo. Non possiamo però pensare di valorizzare la professionalità docente attraverso qualche incentivo annuale o triennale assegnato all'interno dell'istituto. Anche io avevo mantenuto l'anzianità, ma accanto c'era lo sviluppo di carriera: le tre figure di docente — ordinario, esperto e senior — avevano questo scopo, un riconoscimento giuridico ed economico della professionalità maturata. Di questo non c'è traccia nel ddl di Renzi.

Secondo lei il passaggio in Parlamento potrebbe affondare la riforma?
L'opposizione, quella che va dai sindacati agli esponenti di una certa sinistra conservatrice, è ben rappresentata in Parlamento, ma il governo è forte e se vuole può farcela.

(Federico Ferraù)



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.