BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ddl, ora Renzi deve scegliere tra autonomia e centralismo

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Matteo Renzi (Infophoto)  Matteo Renzi (Infophoto)

A leggere per intero e senza preconcetti ideologici il ddl "Disposizioni in materia di autonomia scolastica, offerta formativa, assunzioni e formazione del personale docente, dirigenza scolastica, edilizia scolastica e semplificazione amministrativa" la cui discussione generale inizierà in Parlamento il 18 aprile, si è portati a a pensare che occorrano correzioni (sostanziali) per allinearlo davvero al modello organizzativo dell'autonomia prefigurato dalla legge Bassanini, cui esplicitamente si ispira.

Va subito detto che gli ingredienti principali ci sono tutti, ma è la loro combinazione che in certi snodi funziona poco. Meglio, ci sono qua e là granelli che se non rimossi per tempo potrebbero far incagliare il processo e far perdere l'ennesima occasione per dare autonomia alle scuole.

Detto per inciso, si assume qui che autonomia significhi responsabilità di assunzione della funzione pubblica dell'istruzione-educazione. Se l'autonomia non è finalizzata a ciò, tradisce la sua configurazione di "strumento" per raggiungere un fine. L'autonomia non è fine a se stessa, serve al raggiungimento di obiettivi di sistema. Perciò essa è responsabilità: non una generica responsabilità "diffusa" (per cui non è possibile mai individuare ciò che non funziona), bensì una responsabilità individuale.

Rispetto a tale concezione non c'è dubbio che il ddl in questione contenga elementi importanti:    programmazione dell'offerta formativa (triennale); organico funzionale alla programmazione; responsabilità in prima linea del dirigente scolastico (ds) rispetto agli obiettivi della programmazione; valutazione dei docenti.

Ci sono tuttavia anche "granelli" (e neppure troppo piccoli) che potrebbero paralizzare il percorso dell'autonomia: gli obiettivi della programmazione (art. 2, comma 3; art. 3; art. 4, comma 5) sono eccessivamente ampi e potrebbero condurre a piegare la stessa sulle esigenze dei docenti, anziché degli studenti, con la creazione di nuovo precariato funzionale ad "arricchire" l'offerta formativa (che francamente sembra già sufficientemente ricca); il ds è sostanzialmente solo a reggere il peso del processo che si individua: mancano figure professionali di peso, affianco al dirigente; la valutazione dei ds è nuovamente rinviata sine die.

Ci sono, infine, pezzi che mancano completamente, anche nel lungo elenco di deleghe di cui all'art. 21, e in primo luogo la riforma del ministero: nessun processo di autonomia vero funziona se si mantengono inalterati ruoli e funzioni dell'amministrazione centrale, come dimostra abbondantemente la recente storia italiana dei fallimenti dell'autonomia degli enti territoriali (imputata in larga misura alla mancata ridefinizione del ruolo dello Stato e soprattutto delle amministrazioni statali centrali) e come dimostrano gli studi scientifici (seri) del settore. Non ci può essere autonomia se il ministero continua ad inondare di direttive e circolari le scuole e se queste non si vedono trasferiti i "veri" poteri dell'autonomia: strumenti finanziari e di gestione del personale.

Il processo di autonomia, in sostanza, è un percorso complesso, in cui devono coesistere tanti fattori diversi affinché si ottengano i risultati sperati: organico dell'autonomia, possibilità di scelta dei docenti, imputazione di responsabilità specifiche, risorse adeguate, autovalutazione, valutazione…  



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
28/04/2015 - i granellini da togliere per una vera autonomia (Claudio Cereda)

totalmente d'accordo con le osservazioni della professoressa POGGI. 1) il DS gestisce ma serve una governance diffusa. 2) diminuire il peso del centralismo romano fatto di adempimenti, circolari e burocrazia. 3) in una azienda delle dimensioni e del peso della scuola autonoma servono vere figure di staff.