BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ddl e sanatoria, la "prova di forza" che non conviene a nessuno

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Oltre al fatto che il testo della relativa norma non risulta di facile comprensione, è ormai chiaro che le stesse graduatorie a esaurimento (Gae) non saranno svuotate da questo ingente piano di immissione in ruolo, lasciando senza chiare prospettive soprattutto la platea dei più giovani abilitati con il tirocinio formativo attivo (Tfa) e gli insegnanti che hanno già avuto incarichi di supplenza per la copertura di posti disponibili e vacanti per più di 36 mesi, senza essere iscritti nelle Gae. 

Insomma, l'urgenza dell'immissione in ruolo di 100mila insegnanti precari discutibilmente individuati rischia di consegnare una riforma frettolosa, i cui limiti sono già evidenti nel testo consegnato al Parlamento e che occorre assolutamente correggere. 

Il governo consideri che dispiacere tutti, senza piacere a nessuno non sempre è indice che si stanno facendo le cose giuste. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.