BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRADUZIONE VERSIONE LATINO / Maturità 2015, Tacito, testo e commento: le reazioni degli studenti dopo la seconda prova (oggi, 18 giugno 2015)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Maturità 2015, la versione è di Tacito  Maturità 2015, la versione è di Tacito

Prima traduzione del brano di Tacito diGiovanni de LucaGabriele Conte e Angelo Mascheroni: possibile votazione finale da 6.

 

Ormai il corpo, ormai le forze abbandonavano Tiberio, ma non ancora la dissimulazione: allo stesso modo la freddezza morale; concentrato nel discorso e nel volto, mentre talvolta cercava di ottenere una certa cortesia, nascondeva il deperimento benché fosse chiaro. Avendo cambiato molto spesso luogo, infine si stabilì presso il promontorio di Miseno nella villa che un tempo ebbe come padrone Lucio Lucullo. Là si venne a sapere che si avvicinava alla morte in tale modo. C'era un medico famoso per la tecnica, di nome Caricle, non abituato a curare le malattie dell'imperatore, tuttavia a offrire abbondanza di aiuto. Questo come allontanandosi verso i propri affari e con il pretesto del dovere afferratagli la mano gli tastava il polso. E non lo ingannò: infatti Tiberio, non essendo chiaro se offeso e tanto più trattenendo l'ira, ordina di preparare il banchetto e si mette a tavola più del solito, come se lo attribuisse in onore dell'amico che se ne andava. Caricle tuttavia confermò a Macrone che lo spirito svaniva e che non sarebbe durato più di due giorni. Quindi si affrettavano tutte le cose con colloqui tra i presenti, con messaggeri presso i legati e gli eserciti. Il sedici di marzo si credette che essendosi separata l'anima avesse concluso la sua vita mortale; con grande affluenza di persone che si congratulavano Gaio Cesare saliva ad assumere i principi del potere, quando all'improvviso è riferito che tornava la voce a Tiberio e la vista ed erano chiamati delle persone che portassero del cibo per ristorare il corpo deperito. Da questo momento la paura si diffonde in tutti, e gli altri si disperdono ovunque, e ciascuno si fingeva triste o ignaro; Cesare fermo in silenzio dalla più grande speranza aspettava la morte. Macrone senza esitazione ordina che il vecchio sia soffocato gettandogli sopra molte vesti e di allontanarsi dalla soglia. Così Tiberio morì all'età di settantotto anni.)



< PAG. PREC.   PAG. SUCC. >