BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ddl tra Camera e Senato, la "vendetta" della sinistra Pd fiacca la riforma

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Infophoto  Infophoto

Tale nucleo valutatore sarà composto da tre docenti, due genitori — uno studente e un genitore nella secondaria di secondo grado — e un rappresentante esterno, nominato dell'Usr. Restano le detrazioni fiscali per le famiglie che scelgono di mandare i figli nelle scuole paritarie e la possibilità di donare finanziamenti liberali alle scuole statali e paritarie.

Che cosa resta del ddl della Camera? Sostanzialmente tutto, salvo qualche modifica dei tempi. E' ciò che sostiene il variegato arcobaleno delle opposizioni, le quali, pertanto, si rifiutano di ritirare gli emendamenti. E perciò si andrà al voto di fiducia. Il ddl sta certamente oltre lo status quo, ma parecchio indietro rispetto all'emergenza educativa e alla domanda di innovazione necessaria alla scuola. Ma il Parlamento attuale rispecchia una sinistra, la cui constituency principale sono i dipendenti pubblici e i loro sindacati, e una destra senza idee. La risultante è questa.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.