BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ Expo 2015, Giorgia: "mi sono sentita al centro del mondo". Altea: "vale la pena?"

Molte le classi che hanno visitato l'Expo. "Nutrire il pianeta, energia per la vita": un tema arduo per i giovani. GIORGIA VERCELLONI e ALTEA FOGH, 2a liceo scientifico N. Moreschi (Milano)

Infophoto Infophoto

Molte le classi che hanno visitato Expo 2015 "Nutrire il pianeta, energia per la vita". Il "reportage" di due giovani studentesse, Giorgia Vercelloni e Altea Fogh, 2a liceo scientifico N. Moreschi di Milano.

Cosa pensano le persone dell'Expo? Più volte questo evento è stato definito una "vetrina", ma l'interpretazione di questo concetto spazia sulle più ampie interpretazioni: "L'Expo rende Milano il centro del mondo, fornendo una vetrina sull'umanità. Grande occasione per far risaltare e conoscere la nostra splendida terra". "L'Expo è solo una vetrina. Finta, impaginata e soprattutto non rappresenta la realtà del mondo".

Questo è quello che pensa la gente. 

Molti non sono coinvolti da questo evento, perché sostengono che sia troppo condizionato dagli sponsor, anche se tanti però sono spinti ad andare a visitare l'Expo per i più svariati motivi, tra cui l'interesse per la sostenibilità delle costruzioni, la curiosità verso le abitudini delle popolazioni che vivono in realtà diverse dalla nostra, il consiglio di amici e soprattutto per il design.

Una delle idee che ha determinato maggiore affluenza e curiosità è proprio questa. Ma perché? Il design colpisce l'occhio e appaga, ma soprattutto non si dimentica. Designer come Stefano Boeri, Mark Rylander, Richard Burdett, Thomas Heatherwick e Marco Balich ci hanno fatto meravigliare con strutture moderne dall'architettura strabiliante, come l'orto verticale, l'albero della vita e gli stessi padiglioni. 

L'Expo dovrebbe inoltre attrarre per il suo tema di interesse globale, poiché la nutrizione del pianeta è importante per tutti, eppure gli interessati sono meno di quelli che guardano i padiglioni. 

Anche se questo dovrebbe essere il filo conduttore di tutta l'esposizione, che dovrebbe trattare delle tecnologie, dell'innovazione, della cultura, delle tradizioni e della creatività, molti non riescono a capire ciò che si potrebbe ricavare dopo la manifestazione, utilizzando così le idee nuove, né come i padiglioni possano aiutare in questo, anzi: "Perché il tema sia il cibo, i costi non dovrebbero essere così elevati. Il rapporto qualità prezzo è davvero improponibile", si dice

Eppure qualcosa tiene insieme tutto come una serie di ingranaggi perfetti, e l'evento attrae anche alcuni dei più scettici. Cosa più di tutto colpisce i visitatori? La connessione, non solo dei padiglioni tra loro, ma tra ciascuno di essi e il loro paese d'origine. Un legame di tradizioni e costumi, ma soprattutto fisico continuo, come ad esempio il padiglione della Gran Bretagna realmente collegato a distanza con l'alveare a Nottingham. 

Altro aspetto importante sono i visitatori: secondo molti, dei 20 milioni che si prospettano, solo 6-7 milioni dovrebbero essere stranieri. "Andrò a visitare l'Expo, solo perché è a Milano, perché il viaggio non vale l'esperienza".

Ciò che smentisce le previsioni di scarso afflusso di stranieri è la gente vera all'interno: non sono ologrammi o presenze inventate dai social media. Non sono nemmeno italiani mascherati, ma persone che hanno attraversato oceani per vedere un evento sensazionale. I loro occhi, non coinvolti dalle faccende politiche italiane, sono quelli capaci di goderselo, cogliendo i particolari che sono stati ricavati dallo sforzo e dai fondi di oltre 130 partecipanti.