BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Se la riforma delle Province regala alle famiglie una "nuova" tassa

Pubblicazione:

Renzi e Delrio ai tempi della Leopolda: la fantasia al potere (Infophoto)  Renzi e Delrio ai tempi della Leopolda: la fantasia al potere (Infophoto)

Una tassa occulta sulle scuole superiori. I fautori della riforma Delrio delle province avevano raccontato che essa avrebbe razionalizzato l'ordinamento locale, portando a risparmi di spesa e riduzione connessa delle tasse, con servizi più efficienti. Quanto sta accadendo nelle scuole superiori rivela, purtroppo, il contrario. I prelievi forzosi alle casse di province e città metropolitane, imposti da d.l. 66/2014 e legge 190/2014, hanno praticamente azzerato la capacità di spesa corrente degli enti "di area vasta". Tra queste spese rientrano anche quelle destinate alle manutenzioni ordinarie e alle spese per utenze, pulizie e aggiornamento della strumentazione informatica.

Le province, però, non hanno più i fondi per sostenere queste spese. Dunque, le scuole, consapevoli di non poter più contare sull'adempimento da parte delle province alle disposizioni della legge 23/1996, rimediano innalzando la cosiddetta "retta", talvolta chiamata "tassa di iscrizione", che invece altro non è se non il contributo volontario chiesto alle famiglie per il potenziamento dell'offerta formativa. La conseguenza è che le spese delle famiglie vengono dirottate dalla didattica alle manutenzioni e alle utenze.

Si tratta, come rilevato, di una vera e propria tassa occulta, molto discutibile perché di fatto fa pagare alle famiglie due volte il costo sociale per l'istruzione. Infatti, per il sistema scolastico pubblico già si pagano le imposte ordinarie: il contributo chiesto dalle scuole fa spendere una seconda volta denari che già con le tasse dovrebbero garantire il diritto allo studio.

I fatti dimostrano che la riforma delle province non coglie l'obiettivo di migliorare i servizi e abbassare le tasse. Il volume di entrate fiscali delle province, infatti, nonostante l'enorme abbassamento della loro spesa corrente, è rimasto identico. Solo che le entrate fiscali provinciali invece di essere utilizzate per rendere i servizi di loro competenza, per oltre un terzo sono girate allo Stato che così finanzia spese di sua competenza, lasciando i servizi provinciali a secco.

Con la conseguenza paradossale che la pressione fiscale non ha ricevuto alcun beneficio dalla legge Delrio, i servizi provinciali sono azzerati o resi molto al di sotto dei livelli necessari e si introducono nuove e maggiori spese a carico dei cittadini, come esemplificato dal caso delle scuole superiori.



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
14/07/2015 - Contributo "volontario"... (Giuseppe Crippa)

Sono del tutto d’accordo con l’osservazione del prof. Castenetto. Ovvio però che il problema andrebbe risolto alla radice con l’abolizione di questo contributo gestito in modo così scorretto.

 
14/07/2015 - contributo volontario (roberto castenetto)

Si chiama contributo volontari perché non è dovuto. Gran parte delle famiglie lo paga da anni per migliorare l'offerta delle scuole. Il problema è che molti docenti furbi attingono da quel fondo per rimpolpare progetti più o meno validi e spesso rivolti a pochi allievi. In altre parole è un fondo cospicuo nelle scuole di grandi dimensioni che sfugge sia al controllo sia delle Rsu sia al controllo di gran parte dei docenti. Si metta ordine in questo caos tipicamente italiano in cui tanti pagano e pochi godono. NB. Osservazioni frutto di anni di duro lavoro in Rsu e Consiglio d'Istituto.

 
14/07/2015 - nuove tasse (Luciano Vignati)

Mi meraviglio che la stampa si accorga solo ora della doppiezza della cleptosinistra becera e statalista guidata da Renzi, che da quando è al governo, con gli italiani ha sempre giocato al tristemente noto gioco "delle tre tavolette" con un poco di fumo (cannabis) e via. Ma si sa, la maggioranza degli italiani viaggia sempre con le fette di salame sugli occhi (a parte quando vanno allo stadio) ed è un tantino "debole di mente" tipica malattia endemica, mediterranea in generale e italiana in particolare. Se poi la vediamo anche sull'aspetto antropologico (in base alla latitudine geografica) esiste anche il fenomeno del clientelismo, sono (gli italiani) disposti a non vedere e sentire nulla singolarmente in cambio di un posto di lavoro, salvo protestare quando sono (gli italiani) in gruppo.

 
14/07/2015 - commento (francesco taddei)

le tasse alte sono dovute al troppo statalismo e al debito pubblico elevatissimo (scaricato sulle generazioni future) non a qualche poltrona tolta ai poveri politici.