BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ Statali vs. paritarie? La vera "apripista" è quella dell'infanzia

E più importante discutere su chi gestisce una scuola oppure delle garanzie di accesso, di qualità, dI benessere che promuove? Se ne parla oggi al Meeting di Rimini. SUSANNA MANTOVANI

Infophoto Infophoto

La scuola, la scuola migliore possibile, deve esistere ed essere accessibile a tutti i bambini e a tutte le bambine, a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi che vivono, per tempi lunghi o brevi, nel nostro paese. 

Per poter rispondere al diritto di tutti — nessuno escluso, nessun bambino o ragazzo disabile, nessuna bambina non italiana, nessuna ragazza che passa solo qualche mese di vita in Italia — a una scuola, buona, di qualità è necessaria la collaborazione e l'integrazione fra i diversi soggetti che possono realizzarla e offrirla. 

Il diritto all'accesso e il diritto alla qualità della scuola sono elementi fondamentali per garantire il diritto al benessere di tutti i bambini, le bambine, i ragazzi e le ragazze. Oggi, nei documenti internazionali ed europei che noi abbiamo sottoscritto, il benessere viene definito in senso ampio: oltre al diritto al soddisfacimento dei bisogni elementari e al rispetto in ogni sua forma, il benessere  è anche la possibilità di realizzare tutte le proprie potenzialità, conoscitive, sociali, espressive, umane. 

Non è dunque così importante discutere su chi gestisce una scuola, quanto e prima di tutto su come è questa scuola, che garanzie dà di accesso, di qualità, di rispetto, del benessere che promuove. A  seguire, su come investire le risorse pubbliche nel modo più produttivo e razionale, su come valutare e verificare che vengano bene utilizzate e come sostenere verso un costante miglioramento le scuole che ancora non ce la fanno. Uscendo dalla contrapposizione — non dalla dialettica, che è utile a non adagiarsi mai e a cercare le pratiche e gli argomenti migliori — tra scuola statale e scuola paritaria, perché sia le scuole statali sia le scuole paritarie devono garantire tutti i diritti per tutti e solo allora possono dirsi pubbliche.

La consapevolezza che le risorse vanno conquistate e sono un bene prezioso può aiutare a superare  steccati e reciproche diffidenze, perché rende evidente la necessità di uno sforzo comune  soprattutto da parte di coloro che hanno più risorse economiche e culturali, affinché tutti possano esercitare il loro diritto in una prospettiva di sobrietà e sostenibilità.

Lo Stato ha il compito di delineare l'indirizzo, valutare e sostenere anche gli altri soggetti che contribuiscono ad estendere i diritti e accettano le regole, di promuovere un confrontino dialettico e anche competitivo. Senza steccati, consentendo e valorizzando esperienze innovative, orientate da metodi o fini specifici purché sempre riconducibili a una prospettiva comune di valori essenziali e di diritti di tutti.

Più sfaccettato, più incerto mi pare oggi ancora il discorso sul diritto di scelta delle famiglie: questa deve avvenire in modo trasparente e il diritto va riconosciuto quando non entra in concorrenza con la garanzia ai diritti essenziali e quando non è una scelta d'élite.