BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Precari: nessuna deportazione, dopo tre anni mobilità. Il ministro Giannini

Pubblicazione:

Immagine di archivio  Immagine di archivio

Le forti polemiche suscitate dal piano di assunzione dei precari contenuto nella riforma Buona scuola vengono smorzate oggi da una intervista del ministro dell'istruzione Giannini al Corriere della sera. O almeno ci prova. Le polemiche riguardano il fatto che per ottenere il posto di insegnamento tanto desiderato, i precari assunti dovranno accettare di essere trasferiti dove c'è bisogno, il che vuol dire che un insegnante milanese dovrebbe accettare come sede di lavoro magari la Sicilia. Per i precari, un vero e proprio piano di deportazione. Per il ministro, la definizione corretta da usare è "assunzione a tempo indeterminato ad un pubblico impiego": "Può capitare di spostarsi, ma la contropartita è la stabilità del posto. E su 102 mila assunzioni parliamo solo del 10, al massimo del 15% del totale, cioè quello che è sempre stato anche negli anni passati, solo che prima erano supplenti mentre ora avranno il posto fisso. E con la mobilità dopo tre anni potranno spostarsi". Dunque solo un insegnante su dieci dovrà spostarsi e dopo tre anni potrà cambiare sede. Poi un'altra rassicurazione: nessuna teoria gender nella riforma: la Buona scuola, dice il ministro non contiene alcun riferimento alla teoria gender, chi lo dice non ha letto la legge.



© Riproduzione Riservata.