BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Se la "meritocrazia" del Corriere tira la volata ai sindacati

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Le attività curricolari a classe intera dovrebbero svolgersi solo il mattino per 4 ore giornaliere delle 800 annuali, ore ridotte a moduli senza cambiare il peso specifico degli insegnamenti. Il tempo docenza risparmiato dovrebbe essere utilizzato poi massicciamente per le attività mirate di recupero e per le attività aggiuntive opzionali. 

Così, senza aumenti di spesa, si andrebbe incontro alle infinite istanze pigramente trascurate e  incancrenite delle nostre scuole. C'è da augurarsi che il coraggio dimostrato nel toccare il tabù dell'orario dei docenti spinga Abravanel ad attaccare anche il secondo grande tabù.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
11/09/2015 - Diffidare da statistiche, sondaggi, convegni ad ho (Vincenzo Pascuzzi)

“Il sondaggio e le statistiche hanno sostituito gli oroscopi, ma hanno valore e probabilità uguali” così ha scritto Guido Ceronetti (Insetti senza frontiere, 2009). Che valore può avere un sondaggio “concepito” e gestito dagli stessi autori - Roger Abravanel e Luca D’Agnese – direttamente interessati a che i risultati confermino le tesi sostenute nel loro libro? Che valore può avere un sondaggio che pretende di far parlare studenti e famiglie, qualcosa come almeno 24 milioni di persone, attraverso un campione statistico di 1.000 cittadini? Questo è un vizietto ricorrente di esperti, o presunti tali, per dare fondamento e consistenza alle loro tesi e alla loro stessa fama. Altro espediente è quello di organizzare un convegno ad hoc. Come è forse il caso del convegno “I test INVALSI servono?” (in programma domani, venerdì 12 settembre, a Treviso) con primo relatore proprio Roberto Ricci “Responsabile Area Prove INVALSI”!! Conclusione: diffidare da statistiche, sondaggi, convegni oltre che oroscopi e dall’Europa che ci chiede questo e quello!