BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Clil, le omissioni del Miur si "decidono" alla macchinetta del caffè

Pubblicazione:

Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini (Infophoto)  Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini (Infophoto)

Pur non essendo in possesso dei dati indicati, potrei azzardarmi a dire che le loro risultanze sarebbero scarse (un docente pro-Clil direbbe "deludenti"), e che il Clil è stato il grande assente dell'esame di stato 2015/16. La ragione? Tante cattive ragioni: 1. la mancanza di una formazione "tempestiva" dei docenti (la riforma dei cicli è del 2003), aggravata dai paletti discriminatori verso le "categorie reiette" (precari e docenti delle paritarie), 2. la decisione aprioristica di non valorizzare la capacità di autoformazione proveniente dai docenti e dalle loro associazioni, pur passando dalla  validazione delle suddette attività da parte delle università in Cfu, ed infine 3. l'inevitabile cul de sac delle norme transitorie dell'esame di Stato 2015/16 con i soli membri interni autorizzati a verificare il Clil. Un elegante escamotage per alleggerire la tensione dei dirigenti scolastici e dei docenti commissari rispetto allo spauracchio dei ricorsi? Visto che per il 2015/16 i membri esterni sono rimasti, pronti a decadere per il 2015/16, si potrebbe pensare che le norme siano state introdotte per disinnescare, temporaneamente, la "bomba Clil". 

Cosa fatta capo ha, dice la saggezza popolare, e pertanto quale sarebbe lo scopo di mappare quanto accaduto nell'esame di Stato 2015/16? Contando che bisogna anche tenere in conto le immissioni in ruolo (italiano e latino quasi per nulla incidenti sul Clil, ma scienze naturali e storia/filosofia un po' di più), le assegnazioni temporanee su altra sede, e poi le supplenze, e poi le nomine dei dirigenti scolastici (sì, ci sono ancora tutte, anche dopo la Buona Scuola, che non può spazzar via immobilismo e vecchi meccanismi in un sol colpo). Una utilità forse ci sarebbe: sapere chi ha davvero fatto Clil, se ha bisogno di (ulteriore) formazione linguistica, e offrirla prioritariamente a costui/costei, garantendo al docente una crescita professionale che possa ricadere sugli studenti; il decreto del 5 agosto 2015, a distanza di soli 20 giorni circa dalle chiusura delle operazioni relative all'esame di Stato, ripropone i criteri e le modalità per la formazione di cui sopra (prioritariamente  per statali e solo se in servizio nelle classi quinte di licei ed istituti tecnici, oltre al triennio finale dei linguistici) e semplicemente ignora a priori quanto avvenuto.

Nella rimodulazione delle classi di concorso, esisterà mai una classe di aspiranti docenti Clil con albi territoriali, che includa chi ha completato il percorso di formazione (possibilmente liberato dalle gabbie che attualmente lo caratterizzano) e chi lo intende completare o intraprendere? La formazione andrebbe a ricadere su questi soggetti innanzitutto, e anche la scelta dei dirigenti scolastici che potrebbero, se lo ritengono funzionale al Ptof (Piano dell'Offerta Formativa Triennale), individuare i docenti dall'albo, sapendo esattamente a che punto della formazione si trova il docente che vanno a selezionare. Oppure il dirigente scolastico verrà a sapere che ha, o non ha, un docente Clil formato o in formazione per l'a.s. 2015/16 chiacchierando alla macchinetta del caffè? Un luogo deputato, e non solo nella scuola, alla risoluzione di vertenze che, in taluni casi, meriterebbero sedi più consone e soprattutto deputate allo scopo.

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.