BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Il rischio "babysitter" e il mondo riprodotto

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

E' iniziata la scuola, e vari segnali ci inducono a pensare che in certi suoi tratti vada ridisegnata. Partiamo da un esempio concreto. La più importante rivista mondiale di medicina, il Jama, pubblica in questo mese uno studio semplice ma preoccupante: meno si sta all'aria aperta, più si diventa miopi. Il Journal of the American Medical Association (15 settembre 2015) riporta che bastano quaranta minuti di aria aperta in più al giorno per ridurre significativamente l'insorgenza della miopia nei ragazzi. Che stare al chiuso faccia male alla vista è bene noto, tanto più se è associato all'uso di strumenti quali libri o computer che obbligano l'occhio ad uno sforzo innaturale; infatti i muscoli che mettono a fuoco le immagini sono a riposo solo se le cose che guardiamo sono ad una distanza maggiore di otto metri; se sono più vicine, l'occhio si sforza quanto più le cose che guardiamo sono a poca distanza. Su questo rifletteva di recente anche la rivista Nature ("The myopia boom", marzo 2015), che sollevando il problema, spiegava che ancora non è chiaro il nesso causale, ma è un dato di fatto che stare al chiuso faccia male agli occhi dei ragazzi.

Viene da domandarsi se questo pensiero passi nella mente di chi si occupa di scuola e pedagogia, perché la pedagogia non è solo in quello che si insegna ma anche nella forma in cui si insegna. O la scuola moderna è fondata più sulle esigenze del mercato e degli adulti che su quelle dei giovani? Esigenze del mercato: sembra che l'unico — per quanto notevole — scopo della scuola sia quello del rapporto col mondo del lavoro, misurando le esigenze di ciò che si insegna con quello "che serve" per essere un domani assunti; utile, ma non può essere tutto qui. Eppure dalla scuola diminuisce lo studio della storia, del latino, della filosofia, e aumenta quello di inglese, computer, materie tecniche. E poi esigenze degli adulti, perché gli orari scolastici sono pensati perché la scuola faccia da babysitter, cioè per coprire l'orario di lavoro dei genitori: inizio delle lezioni in orari in cui il bambino fisiologicamente dormirebbe (tanto più quanto ormai è consuetudine non mandarlo più a letto "dopo carosello", cioè entro le 22, obbligandolo così a fare molto meno delle otto ore di sonno che sono fisiologiche per il suo benessere) e prolungamenti pomeridiani perché la scuola supplisca i genitori che non hanno modo di aiutare i ragazzi nei compiti a casa.

A proposito di diritti e ritmi dei ragazzi, pensate che la scuola aiuti davvero a sfuggire al moloch dell'inurbamento, della solitudine e della vita al chiuso moderni? L'American Academy of Pediatrics recentemente ha messo in guardia contro l'eccessivo uso dei massmedia elettronici nelle case, contro la presenza delle televisioni nelle camerette dei bambini, contro una presenza dei giovani davanti agli schermi superiore alle due ore al giorno e contro l'esposizione alla tv sotto i due anni (Pediatrics, novembre 2011).  



  PAG. SUCC. >