BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Se il motore della "Buona Scuola" rischia di grippare

Pubblicazione:

Stefania Giannini (Infophoto)  Stefania Giannini (Infophoto)

Gli uffici provinciali e quelli regionali negli ultimi anni hanno subito dimagrimenti al limite della patologia anoressica; vanno rigenerati secondo una nuova idea di crescita dei servizi alle autonomie scolastiche, piuttosto che di controllo (anacronistico e peraltro impossibile) del centro sulla periferia. Il corpo ispettivo è una specie in via di estinzione e questo non aiuta la serietà dell'avviato processo di valutazione delle scuole, né facilita gli interventi sugli inevitabili processi di patologia scolastica che necessitano di controllo esterno. Del concorso a dirigente ho già detto, ma ribadisco che, ad esempio, chiedere ai presidi di farsi garanti della qualità di decine di migliaia di docenti neo-immessi, vigilando contemporaneamente sulle qualità didattiche degli stessi in due o tre scuole contemporaneamente, è fuori da ogni ragionevole praticabilità. 

Sulla capacità di fare interventi tempestivi e mirati ai sistemi di governo della nostra scuola si misurerà nei mesi a venire l'effettiva volontà e capacità di darle efficienza.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
12/02/2016 - In attesa del Fanta-Holter Didattico per i docenti (Vincenzo Pascuzzi)

Scrive Mauro Monti: “chiedere ai presidi di farsi garanti della qualità di decine di migliaia di docenti neo-immessi, vigilando contemporaneamente sulle qualità didattiche degli stessi in due o tre scuole contemporaneamente, è fuori da ogni ragionevole praticabilità”. Richiesta assurda dal punto di vista quantitativo, ma che astrattamente potrebbe anche essere evasa se qualche geniaccio (da 4 premi Nobel) riuscisse a realizzare un fanta-monitor didattico di tipo Holter. L’assurdità diventa impossibilità totale considerando l’aspetto qualitativo con diverse discipline e situazioni da monitorare con ….. fanta-Holter diversi. Ma al Miur non si pongono questi problemi concreti e operativi, vanno oltre l’ “armatevi e partite”, ordinano “partite e provvedete voi a tutto” e magari daranno un premiuccio a chi arriva da qualche parte. Il risultato sarà che la didattica perderà ancora importanza, diventerà zerbino della burocrazia, della gerarchia, di organigrammi verticalizzati ad arte, di docenti costretti a dedicarsi all’immagine della loro performance e della qualità rilevata, monitorata, misurata istante per istante da presidi costretti a farlo su scala industriale, senza mezzi, direttive, procedure, algoritmi sensati ma che comunque forniranno risultati numerici con due cifre decimali, come avviene – mi dicono – negli scrutini con le medie dei voti dei registri elettronici.

 
12/02/2016 - Concept car (Franco Labella)

Monti è stato già abbastanza impietoso e quindi vorrei aggiungere, in tema di metafore, che la Buona scuola è stata concepita, nella migliore delle ipotesi, come una concept car. Sono quei modelli di prototipi buoni per i saloni automobistici e per promuovere un marchio e quindi le vendite. Più frequentemente le concept car restano bei bozzetti disegnati o al massimo maquette mai realizzati nella produzione di serie. Quindi non c'è rischio che grippino...