BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Ted Talk, imparare l'inglese con l'aiuto di Cicerone

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Ted non inventa nulla di nuovo, l'arte dell'argomentare è antica quanto la nostra civiltà, lo ha ricordato il ministro Giannini all'evento di presentazione, ma il "metodo" Ted può aiutare a recuperare alcuni passi della retorica ciceroniana: l'inventio (la capacità di "trovare" gli argomenti), la dispositio (la capacità di ordinarli), la locutio (la capacità di esprimerli in modo adeguato). Nella sala della comunicazione del Miur giovedì scorso c'era anche l'autore del primo Talk postato sulla piattaforma: Andrea Senacheribbe, uno studente del Liceo Scientifico Vercelli di Asti che ha inventato un algoritmo applicabile al nostro codice genetico per individuare un possibile virus contro l'Ebola. Da solo, per curiosità, ha studiato via web la letteratura più aggiornata sull'argomento ed ha avuto questa idea che potrebbe diventare un metodo applicabile a qualunque tipo di virus. È stato l'unico italiano selezionatoper il premio mondiale Google Science e ci ha raccontato la sua storia. Quanti Andrea Senacheribbe potrebbero esserci nelle nostre scuole! Il progetto Ted ha lo scopo di  farli conoscere.

 

Molte Ted Talks sono in inglese, anche se il progetto si è esteso moltissimo ed attualmente comprende 100 lingue. Quali sono le aspettative per le Ted Talk youth?

È noto a tutti che la possibilità di imparare a comunicare correttamente in una lingua straniera dipende anche dal tempo in cui si è "esposti" ad una determinata lingua. Ascoltare e vedere dei talk aiuta sicuramente ad imparare meglio l'inglese, ma costruire dei talk,  seguendo il percorso indicato da Ted Ed, con i propri amici e i propri docenti, potrebbe  aiutare a fare dei passi importanti nell'uso attivo della lingua. Penso che il diffondersi di Ted Ed club potrebbe motivare e invogliare molti studenti ad usare e praticare l'inglese con più  naturalezza.

 

Quale può essere a suo parere l'utilità di questa iniziativa o di altre simili per la didattica della disciplina coinvolta? Qualcosa di simile a quanto accade con la proposta didattica La Fisica in Moto? Uno svecchiamento della didattica dell'inglese?

Il laboratorio "Fisica in moto" è nato nove anni fa per far capire come la fisica spiega la meccanica delle moto. Ogni anno nel laboratorio  fanno lezione 8mila ragazzi e nella Summer school estiva i 24 migliori studenti di fisica che partecipano al bando hanno la possibilità di capire più in profondità  che cosa c'è "dentro" una moto: scienze dei materiali, fisica, meccanica, elettronica, robotica. "Fisica in moto" è un'occasione  per  aiutare docenti e studenti a vivere lo studio come una scoperta interessante. Con il progetto Ted potrebbe accadere la stessa cosa, ma in modo più diffuso. I Ted club potrebbero diventare un modo  per " ribaltare" il modo con cui impostare la lezione, migliorare le competenze argomentative dei nostri studenti e dare l'opportunità per insegnare l'inglese utilizzando il metodo comunicativo. Il concorso nazionale TEDx Youth Bologna potrebbe diventare uno strumento per valorizzare le idee di valore degli studenti italiani e per favorire da subito la loro diffusione attraverso la piattaforma, già in questi 6 mesi. La casa editrice Zanichelli, H-Farm, Loccioni, l'Opificio Golinelli, il Liceo Malpighi, sono tra i primi ad aver dato la disponibilità a collaborare… ma siamo solo all'inizio. 



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.