BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

SCUOLA/ "Il gioco della bottiglia", dramma di una generazione vittima della noia

Adolescenti vittime della noia e dell'alcol, desiderosi di una compagnia che non c'è. Sono quelli che emergono dal ritratto di Alessandra Di Pietro nel suo ultimo libro. CARLO BELLIENI

Infophoto Infophoto

"Gli adolescenti di oggi, rispetto alle generazioni nate negli anni Sessanta e Settanta, hanno perduto il senso dell'alcol come trasgressione. Di fronte a genitori permissivi e un'economia della notte costruita ad hoc, eccedere rappresenta una risposta al bisogno di protagonismo e di riconoscimento di una generazione a rischio di invisibilità". 

E' un giudizio tranchant e imponente che cogliamo dal libro di Alessandra di Pietro Il gioco della Bottiglia (Add editore), che consigliamo per capire non tanto il dilagare del fenomeno-alcol quanto il cadere e decadere della gioventù occidentale. Certo, spiega saggiamente la Di Pietro, c'è un 44% dei giovani adolescenti che nell'ultimo mese non ha bevuto, ma oggi quanti stanno lontani dall'alcol? Quanti supermercati o birrerie stanno attenti a non vendere alcolici a chi non deve comprarli? E quanti ormai bevono non per trasgressione (fattore sociale fisiologico della adolescenza) ma per noia? 

"Tra gli under 18 beve il 21,5% dei maschi e il 17,3 delle femmine, un ventenne su tre per socializzare eccede con la bottiglia mentre il binge drinking — che è poi questo trangugiare alcol in modo veloce e in grande quantità per farlo salire subito alla testa — è un'esperienza che interessa il 14,5% dei giovani", spiega la Di Pietro. Sembra non essere aumentato il consumo negli ultimi anni, ma quello che colpisce è la motivazione: non la trasgressione ma la noia. Insomma la storia disegna con il pennello intinto in una bottiglia di vodka una generazione annoiata: l'alcol è la cartina al tornasole della noia, ma certo non è il solo, perché esistono altri ben noti modi per farsi del male. E' moda la "roulette russa dei farmaci", cioè i ragazzi prendono a caso le medicine che trovano in casa e fanno feste per ingurgitarsele a caso, ha riportato il Tgcom del 30 marzo scorso; oppure — incredibile, ma così viene riportato — addirittura uno pseudovampirismo che preoccupava pediatri e psicologi in occasione dell'XI corso di aggiornamento in "Adolescentologia" (Genova, 2014). "C'è proprio un'emulazione dei vampiri ed esiste addirittura — ha spiegato al Tg24 lo psicoterapeuta dell'età evolutiva Federico Bianchi — una categoria di giovani donatori e una di giovani bevitori"

Ma senza arrivare a questi fenomeni di nicchia, non è certo un segreto il diffondersi del gioco d'azzardo, della droga, dell'annullamento dei contatti sociali per via dei nuovi media che dovevano avvicinare le persone e invece rendono superfluo l'incontro vero a vantaggio di quello virtuale e solitario. Certo tanti non si drogano, non bevono fino a vomitare, non fanno stranezze autolesive; ma tanti lo fanno e tra quelli che non lo fanno, le motivazioni e le ragioni per non farlo sono fragili, sono sotto assedio: la noia impera, prende piede, si diffonde, come il "mondo del nulla" nel romanzo di Michael Ende La Storia Infinita.