BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

MIUR / News, scuola: concorso ‘Ciak - Si studia’ per promuovere la cultura teatrale e cinematografica (ultime notizie oggi, 7 aprile 2016)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Stefania Giannini (Infophoto)  Stefania Giannini (Infophoto)

MIUR NEWS, SCUOLA: CONCORSO 'CIAK - SI STUDIA' PER PROMUOVERE LA CULTURA TEATRALE E CINEMATOGRAFICA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 7 APRILE 2016) - Un concorso per promuovere la cultura teatrale e cinematografica nelle scuole. Si chiama ‘Ciak - Si studia’ ed è promosso dal Miur in collaborazione con il Ministero dei Beni Culturali. Il concorso, come riportato da OrizzonteScuola è rivolto agli studenti, sia singoli che in gruppo che divisi per classi, delle scuole secondarie di II grado. Gli elaborati dovranno essere incentrati su argomenti di valenza sociale, didattica o artistico-culturale e possono consistere nella realizzazione di un video (max. 30 secondi) e/o soggetto (max. 3 cartelle) finalizzato alla realizzazione di un cortometraggio della durata massima di 10 minuti. Obiettivo del concorso indetto dal Miur è dare agli studenti l'opportunità di utilizzare il linguaggio audiovisivo come strumento innovatico di formazione. Il termine per partecipare al concorso è il 30 maggio 2016. (clicca qui per leggere il bando)

MIUR NEWS, SCUOLA: NAPOLI, 13MILA STUDENTI IN PIAZZA PER IL PIU' GRANDE CORO DELLA STORIA DELLA MUSICA (ULTIME NOTIZIE OGGI, 7 APRILE 2016) - Saranno in Piazza del Plebiscito a Napoli 13mila studenti per dare vita al più grande coro della storia della musica: il concerto si svolgerà il prossimo sabato 9 aprile e sarà trasmesso in diretta streaming sul sito del Miur (www.istruzione.it). All'evento, intitolato “Lapiazzaincantata”, sarà presente anche il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini. Il progetto è stato premiato dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella e vedrà il coinvolgimento di giovani da 17 regioni: appuntamento dalle 16.30 alle 18.30. I coristi, provenienti da scuole primarie e secondarie di I e II grado, saranno protagonisti di un singolare massive flashmob ideato per diffondere la conoscenza e la passione per la musica tra i giovani. In programma brani tratti dalle opere di Verdi (Aida, Gloria all’Egitto), Mozart (Requiem: Dies irae, Lacrimosa), Händel (See the conquering) e Charpentier (Te Deum), ma anche storiche ballad come “Michelle” dei Beatles e canzoni della tradizione napoletana come “I’ te vurria vasà” (di questo brano è anche stata fatta una traduzione in veneto da una scuola elementare di Verona).

MIUR NEWS, SCUOLA: 'SIMULALTERNANZA', IN 458 ISTITUTI GLI STUDENTI "IMPRENDITORI" (ULTIME NOTIZIE OGGI, 7 APRILE 2016) - Alternanza scuola-lavoro per consentire agli studenti l’apprendimento di processi di lavoro reali. Se ne è discusso ieri al Miur alla presenza del Sottosegretario Gabriele Toccafondi, nel corso del convegno “SimulAlternanza: Studenti inventori d’idee e creatori d’impresa”. Con il progetto Impresa Formativa Simulata (IFS) è realizzata la simulazione della costituzione e gestione di imprese virtuali che operano in Rete, assistite da aziende reali: nel progetto sono 458 le scuole coinvolte, 124 le imprese virtuali già attive e operanti e 806 quelle in fase di start-up. L'iniziativa è stata organizzata in collaborazione con Confao, il Consorzio Nazionale per la Formazione, l’Aggiornamento e l’Orientamento. Il Sottosegretario Toccafondi ha spiegato così, in una nota del Miur, l'importanza di questa collaborazione tra scuole e aziende: "L’impresa formativa simulata non è alternanza di serie B. Si tratta di fare lo stesso tipo di esperienza, ma con modalità diverse, sfruttando le potenzialità della Rete e la disponibilità dei tutor aziendali a stare in contatto con le scuole. L’impresa formativa simulata è scuola a tutti gli effetti e fa fare ai nostri ragazzi un percorso che parte da come nasce un’idea di azienda e si arriva fino al mercato, passando dal business plan, allo statuto, agli organi societari, fino al bilancio. I ragazzi fanno scuola: al sapere si affianca il saper fare, alle conoscenze vengono affiancate le competenze".

< br/>
© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
07/04/2016 - Non prendiamoci in giro (Franco Labella)

"L'impresa simulata non è alternanza scuola-lavoro di serie B" dice Toccafondi. Excusatio non petita accusatio manifesta si diceva nel Medio Evo. Ovvero quando l'effetto-annuncio non funziona. Siamo al bis del CLIL. Anche stavolta la fretta e nessuna analisi preliminare hanno spinto ad un cambiamento di facciata. Ne avevo scritto qui (http://www.ilsussidiario.net/News/Educazione/2015/11/7/SCUOLA-Se-l-alternanza-fa-la-fine-del-Clil-/653459/) e mi limiterò,ora, a chiarire perchè Toccafondi fa una affermazione risibile. Cosa è una impresa simulata? Realtà virtuale dove, ad esempio e per limitarmi, mancano rapporti interpersonali reali. Per cui lo studente cosa dovrebbe imparare? Al massimo tecnicalità per le quali, oltre tutto, non ha conoscenze necessarie. Cultura di impresa senza nozioni basilari di tipo giuridico-economico? Ma di che parliamo? In realtà siccome l'obbligo di legge è stato, improvvidamente e propagandisticamente statuito già da quest'anno per le terze e rischiava di essere violato, ci si è inventati questa furbata. Chissà se Tocccafondi conosce Patrician o SimCity? Sono videogiochi, utilizzati dagli adolescenti anche prima dell'alternanza,per esplorare dinamiche di tipo economico-gestionale. Beh, se dovevamo far videogiocare gli studenti non c'era bisogno della "Brutta scuola".