BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

CONCORSO SCUOLA 2016 / Risultati prove scritte e soluzioni: Malpezzi (Pd), “apertura ai ricorrenti sarà impedito” (Miur news oggi, 1 maggio)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Immagini di repertorio (Infophoto)  Immagini di repertorio (Infophoto)

CLICCA QUI PER LE ULTIME NOTIZIE SUL CONCORSO SCUOLA DOCENTI 2016, AGGIORNATE AL 2 MAGGIO

 

RISULTATI CONCORSO SCUOLA DOCENTI 2016 E SOLUZIONI PROVE SCRITTE, CALENDARIO SU GAZZETTA UFFICIALE (MIUR NEWS, OGG 1 MAGGIO). MALPEZZI, “APERTURA AI NON ABILITATI SARÀ IMPEDITO” - Caos per il concorso scuola docenti 2016: domani riprendono le prove scritto con il calendario che procede non spedito visto che rimane apertissimo il rebus dei ricorrenti non abilitati che hanno vinto il ricorso presso il Consiglio di Stato e che dovranno essere inseriti nelle prossime date disponibili. Un concorso scuola che vede l’interesse forte della politica visto che il Miur viene costantemente preso di mira dalle opposizioni e dalle associazioni di categoria del mondo scolastico: fa il punto e tira le somme l’onorevole Pd Simona Malpezzi, sulla sua pagina Facebook. «Voglio precisare che la sentenza del consiglio di stato in merito all'ammissione con riserva dei non abilitati al concorso si fonda sui precedenti della sezione relativa alla questione di merito. E, proprio in questo senso, non sembra avere alcuna fondatezza considerato che, nel frattempo, la legge è stata modificata. Il dettato della 107 è molto chiaro: per insegnare serve un titolo abilitante». Secondo la “pasionaria” del mondo scolastico per il Partito Democratico «sono certa che il pronunciamento terrà conto delle osservazioni del MIUR e che il tentativo di aprire anche ai non abilitati verrà impedito. Andiamo avanti con fiducia e non indietreggiamo di un centimetro nel rispetto di tutti quelli che in questi anni hanno lavorato con dedizione e fatica per migliorare il loro percorso di studi».

RISULTATI CONCORSO SCUOLA DOCENTI 2016 E SOLUZIONI PROVE SCRITTE, CALENDARIO SU GAZZETTA UFFICIALE (MIUR NEWS, OGG 1 MAGGIO) - Non c’è pace per il concorso scuola docenti 2016 che ha aperto i battenti pochi giorni fa, il 28 aprile: nell’attesa di scoprire i risultati e le soluzioni dei primi test, con i docenti che dovranno però aspettare fino alla fine di tutti gli scritti e alla convocazione degli orali, proseguono le polemiche sui compensi delle commissioni e soprattutto sui ricorsi che sono stati accolti dal Consiglio di Stato e che ora stanno gettando caos per il calendario delle prove scritte. Gli Usr sono al lavoro per modificare sedi ed orari appositi per i ricorrenti mentre il Miur, tramite collegamento in videoconferenza ai Dirigenti degli Uffici Scolastici Regionali ha raccomandato le seguenti indicazioni. «potranno essere ammessi solo i ricorrenti in possesso di decreto cautelare ad personam emanato dal giudice, oltre ovviamente ai documenti classici che ogni candidato insegnante deve presentare (documento di identità, codice fiscale, ricevuta di pagamento dei diritti di segreteria)». In questo modo il Ministero cerca di evitare ulteriori problemi e numeri ancora più alti di ricorrenti non abilitati che hanno vinto la causa contro il Miur e ora si dovranno apprestare alle prove scritte con riserva. Gli Usr in queste ore stanno pubblicando le sedi predisposte, come riporta Orizzonte Scuola, ma il problema è che il Ministero ancora non conoscere il numero certo dei ricorrenti già ammessi e il timore è che le sedi non siano abbastanza. Insomma, ancora caos.

RISULTATI CONCORSO SCUOLA DOCENTI 2016 E SOLUZIONI PROVE SCRITTE, CALENDARIO SU GAZZETTA UFFICIALE (MIUR NEWS, OGGI 1 MAGGIO). IL MINISTRO GIANNINI: "NUOVA GENERAZIONE DI INSEGNANTI" - Dopo i primi giorni di prove scritte del concorso scuola 2016 - sono iniziate lo scorso 28 aprile e termineranno il prossimo 31 maggio a meno di sessioni suppletive per l'ammissione dei ricorrenti, come chiesto dal sindacato Anief - parla il ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. Il ministro è intervenuta ieri, come riporta OrizzonteScuola, dichiarando in merito alla selezione: "Abbiamo un'età media dei candidati che è di 39 anni e questo sembra un risultato importante. Ricordo che l'età media degli insegnati italiani ad oggi sfiora i 50. L'età fa la differenza e così si prospetta una generazione nuova di insegnanti, una generazione che entra con una selezione nazionale". E a proposito delle prove del concorso scuola 2016 il ministro Giannini ha aggiunto: "Per quanto riguarda l'esito delle prime prove, come i candidati hanno dichiarato, mi pare si vada a vedere non tanto le competenze specialistiche, perché sono docenti abilitati, quanto la loro abilità metodologica e didattica nel presentarle agli studenti. Quindi credo che il livello qualitativo della classe docente del Paese si innalzerà moltissimo".



© Riproduzione Riservata.
 

COMMENTI
01/05/2016 - La pasionaria Malpezzi si occupi di filosofia... (Franco Labella)

e lasci stare il Diritto che, evidentemente, non è il suo forte. Come è stato chiarito anche da autorevoli siti scolastici, l'onorevole, quando parla di precedenti giurisprudenziali del Consiglio di Stato e quando, temerariamente esclude conseguenze per la L. 107, confonde due questioni del tutto diverse (quella relativa ai non abilitati e quella dei diplomati dell'indirizzo linguistico dell'ex magistrale). Il fatto che sia poi una insegnante, docente di filosofia, è, a mio parere, una aggravante. Perché se un docente, sia pure in aspettativa parlamentare, si fa trascinare dalla propaganda piuttosto che fermarsi ai dati di fatto, forse dovrebbe porsi qualche domanda. La Malpezzi, poi, è recidiva. Ancora risuonano i suoi proclami relativi alla carta igienica che, a suo parere, da quando c'è il governo Renzi, non è più un problema delle scuole. E' evidente che l'onorevole, in forza del suo mandato, è da un po' lontana dal mondo reale. Da quella scuola che non sopporta la propaganda. Anche se a farla è un ottimo propagandista (Renzi) accompagnata da un Ministro che è riuscita, finora, a far rimpiangere, sul piano dei ricorsi alla giustizia amministrativa, persino la Gelmini. E ce ne vuole...