BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

ESAMI DI STATO 2016/ Seconda prova, tradurre dal greco? "Serve" di più a genitori e politici…

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Poi Flocchini, autore di un fortunato manuale di lingua latina, scrive: "Il linguaggio della filosofia, della scienza, della tecnologia è infatti sempre lingua letteraria e, nella nostra tradizione occidentale, qualunque sia la lingua nazionale in cui si esprime, è sempre modellata sul latino, per la semplice ragione che fino a pochi secoli fa tutto il sapere veniva trasmesso in latino e di conseguenza i linguaggi settoriali ne sono tuttora profondamente permeati, sia nel lessico sia nella sintassi; e questo vale a maggior ragione per la lingua italiana scritta, che con il latino ha anche precisi legami genetici, oltre che culturali. Se questo è vero, lo studio rigoroso della lingua latina, anche nei suoi aspetti tecnici (sintassi, morfologia, lessico), assume una importanza vitale per l'acquisizione della abilità e degli strumenti necessari a produrre ed elaborare cultura, come ha ricordato il Collegio degli Accademici della Crusca in un documento di tre anni fa: una sufficiente conoscenza del latino risulta propedeutica e funzionale alla comprensione di ogni discorso di carattere speculativo-epistemologico e più generalmente teorico, quali sono eminentemente, anche a livello scolastico, quelli della filosofia, del diritto e degli aspetti concettuali della matematica e delle scienze fisico-naturali".

Cosa ci rimane a noi comuni mortali? Ai genitori  di figli che hanno affrontato la seconda prova di maturità (che qualche sedicente studioso vorrebbe mandare in soffitta…) la consapevolezza che imparare il greco antico e il latino e non il cinese (ad esempio), quando si è teen-agers, è bello, interessante, seducente, formativo, performativo, informativo. Dovremmo elencare forse le proprietà taumaturgiche delle lingue classiche più lumeggiate sulle pagine di questo giornale on line? Direi di no, basta infatti navigarlo un po'. 

Ai maturandi rimarrà una tappa fondamentale del proprio percorso verso la piena realizzazione delle proprie potenzialità di uomini e donne. 

< br/>
© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.