BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

TRACCIA SVOLTA MATURITA' 2016 / Il valore del paesaggio (Tipologia B, tema di ambito storico-politico) di Lorenzo Roesel (Esami di Stato)

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Papa Francesco (Infophoto)  Papa Francesco (Infophoto)

TRACCIA SVOLTA MATURITÀ 2016: TEMA TIPOLOGIA B DI ORDINE GENERALE "IL VALORE DEL PAESAGGIO" (ESAMI DI STATO) - Dall'Esposizione Universale tenutasi a Milano (efficace il titolo "Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita") alla preziosa quanto efficace enciclica di Papa Francesco "Laudato si'", l'ambiente e la cura del paesaggio sono entrati prepotentemente nel dibattito politico e sociale del nostro paese. Ci si interroga con rinnovata vitalità sui problemi tecnici, su "gli orrori delle urbanizzazioni periferiche, delle speculazioni edilizie, della incoscienza criminale di chi inquina, massacra, offende, opprime l'ambiente naturale e urbanistico" (come sottolineava Claudio Strinati in un'intervista in tempi non sospetti). 

TRACCIA SVOLTA MATURITÀ 2016: TEMA TIPOLOGIA B DI ORDINE GENERALE "IL VALORE DEL PAESAGGIO" (ESAMI DI STATO) Eppure, più che l'ennesima occasione di denuncia, il tema ecologico rappresenta la straordinaria opportunità per l'uomo moderno per chiedersi nuovamente chi è. Sarebbe infatti ingenuo, se non addirittura controproducente, concepire esclusivamente soluzioni tecniche a problemi che non sono di per sé esclusivamente tecnici. Occorre "uno sviluppo culturale, civile ed economico" (come dice Andrea Carandini, presidente del FAI) o ancora meglio un "corretto esercizio della cultura". Ma questo sviluppo culturale prima che farsi progettualità politica e visione del mondo deve interrogarsi su se stesso e su ciò che lo genera: non un progetto ma una rinnovata posizione antropologica. 

TRACCIA SVOLTA MATURITÀ 2016: TEMA TIPOLOGIA B DI ORDINE GENERALE "IL VALORE DEL PAESAGGIO" (ESAMI DI STATO) La progressiva discrasia fra gli indirizzi politici e costituzionali (come l'art. 9 sulla tutela del paesaggio) e la realtà di inquinamento e abusivismo in cui versa il nostro paese poggia le sue basi su una perdita del senso della totalità. L'uomo moderno, determinato dalla coscienza del Potere, ha perso il suo concepirsi in relazione con il Creato (per usare le categorie della straordinaria enciclica di Papa Francesco). La realtà ha una propria dignità e non può essere ridotta unicamente a oggetto di dominio e di sfruttamento. Questa dignità intrinseca, se vissuta culturalmente, genera una libertà e una responsabilità a livello personale e comunitario nel rapporto con l'ambiente. "Bene comune" non è infatti una realtà astratta o un feticcio ideologico intorno a cui stringersi, ma è un vivere ed un approcciarsi alla realtà in maniera responsabile: è amministrare una risorsa e interagire con una bene in una modalità non solipsistica e di possesso, ma attraverso un'azione che al suo interno parte dalla coscienza di essere sempre in rapporto con altri intorno a sé. Esattamente come alcune oasi nel deserto che esistono da migliaia di anni perché gli anziani delle tribù beduine della zona distribuiscono l'acqua in quantità commisurata al numero delle famiglie e al numero dei figli, in modo da garantire la continuità della risorsa nel tempo.



  PAG. SUCC. >