BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

Traduzione Isocrate / La versione di greco "sulla pace" al Liceo Classico (esami di stato, maturità) di Paolo Torri

Foto dal webFoto dal web

Traduzione della versione dal greco

34. Vedo infatti che quelli che preferiscono l'ingiustizia e che considerano un sommo bene impadronirsi di una proprietà altrui soffrono le stesse cose degli animali che si lasciano prendere da un'esca: in un primo momento godono di quello che hanno preso, ma poco dopo si ritrovano in mezzo a terribili mali; quelli invece che vivono nel rispetto di pietà e giustizia, trascorrono una vita tranquilla nel presente e hanno dolci speranze per l'avvenire. 35. E se anche questo non avviene così in tutti i casi, tuttavia il più delle volte va proprio in questo modo. E dal momento che non possiamo prevedere sempre che cosa potrà esserci vantaggioso, chi ha buon senso deve mostrare di preferire ciò che è utile il più delle volte. L'opinione più insensata di tutte è quella di quanti da un lato sono convinti che la giustizia sia uno stile di vita più bello dell'ingiustizia e più caro agli dei, dall'altro  pensano che chi poi la pratica vivrà peggio di chi preferisce il male. 36. Mi sarebbe piaciuto che, tanto quanto è doveroso lodare la virtù, così fosse anche facile convincere gli ascoltatori a esercitarla; ma temo su questo argomento di aver parlato invano. Siamo stati rovinati per molto tempo da uomini che non sapevano fare altro che ingannare, che sono a tal punto abituati a non tenere in nessun conto il popolo che ogni volta che vogliono fare guerra a qualcuno questi, mentre si intascano denaro, hanno il coraggio di dire che noi dobbiamo emulare i nostri antenati e non permettere che noi stessi ci copriamo di ridicolo e che quelli che non vogliono pagarci le tasse solchino il mare.


(Traduzione di Paolo Torri)

© Riproduzione Riservata.