BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

SCUOLA/ Prof sospesa perché incapace, quei segnali che (forse) qualcuno non ha visto

Pubblicazione:

Infophoto  Infophoto

Il Corriere della Sera ha pubblicato una notizia che mi ha colpita anche perché quanto descritto accade nell'emancipato Regno Unito, ad un'insegnante 33enne di una scuola scozzese. Titolo e sottotitolo: "Le sue lezioni sono troppo noiose. E la professoressa perde il lavoro". "Gillian Scott è stata cancellata dal registro dei docenti per due anni dopo le lamentele di genitori e alunni. Secondo il General Teaching Council non è in grado di insegnare".

Un fatto che interroga tutti, non solo i sistemi scolastici cosiddetti avanzati. Chi fornisce gli strumenti idonei a motivare alla conoscenza, catturare l'attenzione e mantenerla nell'era della connessione continua ad altro? Disconnessi dalla realtà e da se stessi, tutti gli insegnanti — anche i migliori — rischiano di "bruciarsi" prima del tempo. In un Paese dove si chiudono intere scuole se non si raggiungono gli obiettivi di apprendimento prefissati e le nuove iscrizioni diminuiscono, "radiare" per due anni la giovane docente è sconcertante.

Il sottotitolo motiva la decisione mettendo in evidenza l'altro aspetto che mi induce a riflettere sul caso venuto alla ribalta in un Paese molto attento alla problematica del burnout dei docenti, da decenni. La loro forma di "prevenzione" consiste soprattutto nel confrontarsi periodicamente tra colleghi circa gli insuccessi didattici di apprendimento, la validità del proprio metodo e l'eventuale perdita del self control, tutte azioni che inducono ad utilizzare atteggiamenti, comportamenti e strategie maggiormente proficui. Condividere nella propria scuola le insoddisfazioni, valutarne assieme la reale consistenza, provare ad esperire nuove strategie e metodi senza timore di giudizio sanzionatorio è il primo passo indispensabile per non soccombere alla condizione di fatica psicofisica eccessiva e/o cronica, altrimenti detta stress, pressione da inadeguatezza percepita e dichiarata solo in parte, magari taciuta per vergogna. Proprio in questo snodo occorre chi sappia riconoscere il filo sottile che intercorre tra il ricorrente disagio professionale e il rischio di scivolare nella ben più grave psicopatia conclamata, spesso irreversibile. E' notorio che chi è sopraffatto ormai seriamente dalla "sindrome" nega di esserlo.

Resta un dubbio mentre rileggo l'articolo. Quel suo non saper gestire la classe deriva da una incompetenza strumentale di sempre o si è manifestata solo di recente e a seguito della separazione dal marito? E' causa o effetto di quanto accade a scuola? Si tratta infatti di uno dei numerosi life events personali e/o familiari cui tutti siamo sottoposti nel corso della vita lavorativa. Disgiungere le sfere familiari e lavorative sarebbe illusorio.

Interessante quel che si dice alla fine dell'articolo; ossia che l'argomento addotto dal padre-avvocato "potrebbe essere facilmente rovesciato come la prova di un caso lampante di 'burnout''', ovvero di logoramento professionale, che la docente non ha saputo/voluto riconoscere". 

Nota significativa che necessita di verifiche, considerata l'età molto giovane della figlia professoressa da tempo sottoposta a stress lavoro-correlato, fino ad essere incapace di "guardarsi allo specchio" autonomamente. 



  PAG. SUCC. >