BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

MATURITÀ 2017/ Esame di Stato, a Valdagno studenti "pittori" sistemano le aule (ultime notizie)

La Maturità 2017 si avvicina sempre di più e questo non fa che aumentare l'ansia di tutti gli studenti che parteciperanno all'Esame di Stato. Quali saranno le tracce?

Maturità 2017, toto tracce della prima provaMaturità 2017, toto tracce della prima prova

Cresce l'ansia in vista della Maturità per gli studenti italiani, ma in particolare per quelli del Boccioni di Valdagno è corsa contro il tempo. Il gruppo di artisti del progetto "Alternanza scuola-lavoro" ha, infatti, avuto solo tre giorni di tempo per sistemare due aule della villa Marzottini, che ospita il liceo artistico. Un gruppetto si è occupato con stucchi e intonaco del secondo piano, mentre al primo si lavorare sui bozzetti da presentare al "committente", cioè la casa di riposo Tassoni di Cornedo. Il progetto - come riportato dal Giornale di Vicenza - ha coinvolto 17 ragazzi del liceo artistico che hanno accettato la sfida di rinfrescare le due aule più malandate dell'istituto, contribuendo a rendere più piacevoli e decorose le aule che verranno utilizzate tra poco proprio per l'esame di Stato. In quelle aule, infatti, si insedieranno le commissioni d'esame per la Maturità. (agg. di Silvana Palazzo)

Un percorso scolastico sta per concludersi con la Maturità, un momento fondamentale nella vita di ogni studente. Lo è al punto tale che i maturando hanno creato una playlist specifica per avvicinarsi all'esame di Stato. Lo ha rivelato Skuola.net, che ha intervistato circa mille studenti. Tra le canzoni del passato c'è un classico per eccellenza: il 35% dei maturandi sceglie "Notte prima degli esami" di Antonello Venditti. Il cantautore romano batte addirittura i Queen, che sono in seconda posizione con l'intramontabile "We are the champions": la scelta è del 18% degli studenti. Al terzo posto "Uno su mille ce la fa" di Gianni Morandi, che ha ottenuto le preferenze di un maturando su sette. Ci sono brani evergreen che uniscono generazioni di studenti: apprezzate, infatti, anche "The final countdown" degli Europe (13%), "I will survive" di Gloria Gaynor (11%) e "Eye of the tiger" dei Survivor (9%). Per quanto riguarda, invece, la musica del momento: il preferito è Ed Sheeran con "Shape of you", poi ci sono "Despacito" di Luis Fonsi e Daddy Yankee e Francesco Gabbani con "Tra le granite e le granate". (agg. di Silvana Palazzo)

La Maturità 2017 rimarrà storica perché sarà l’ultima in cui farà capolino la Terza Prova, quella novità degli ultimi anni di Esami di Stato che viene invece mandata in “pensione” dalla riforma fragorosa che andrà in scena dal prossimo anno. I maturandi di questo ciclo non saranno felicissimi visto che per un soffio devono comunque affrontare la prova multidisciplinare gestita direttamente dalle varie commissioni nelle Scuole d’Italia. La prova concessive nella risposta a quesiti singoli o multipli, nella soluzione di problemi o di casi pratici e nell’accertamento della conoscenza di una lingua straniera. Il voto massimo che si può strappare è 15 e la sufficienza è fissata a 10: va tenuto conto per l’appunto come questo tipo di prova, l’ultimo scritto della Maturità, non sarà il Miur a gestire le prove stesse, ma ogni singola commissione d’esame che preparerà le domande e le varietà di argomenti. (agg. di Niccolò Magnani)

Gli studenti che parteciperanno alla Maturità 2017 sono sempre più in fibrillazione. Soprattutto per quanto riguarda le tracce della prima prova, uno dei primi scongili importanti dell'Esame di Stato. Secondo le previsioni le più gettonate sono Unione Europe a terrorismo, soprattutto alla luce di quanto accaduto a Manchester durante il concerto di Ariana Grande. Spazio tuttavia anche alla letteratura, dove è Luigi Pirandello a troneggiare fra tutti. Questo il risultato dei dati raccolti da Skuola.net su un campione di 2.500 maturandi, che ha visto salire le quotazioni su Pirandello. Incertezza invece sull'opzione dello scritto di italiano, dove alla fine si è concluso con un 23% di preferenza per l'analisi del testo. Un dato che è aumentato di 5 punti percentili rispetto alla prima trance di aprile, ma che mettono comunque il celebre autore in contrasto con un altro big della letteratura, Giuseppe Ungaretti. Come sottolinea l'Ansa, la sicurezza maggiore degli studenti che hanno optato per Pirandello deriva dal fatto che la traccia è uscita già nel 2013. 

L'incognita maggiore per la Maturità 2017, sempre riguardo alla prima prova, riguarda la possibilità che una traccia riguardi la Blue Whale. La sfida del suicidio potrebbe essere una delle più quotate per l'Esame di Stato? Alla luce degli ultimi risvolti e con l'inchiesta lanciata da Selvaggia Lucarelli nelle ultime settimane, in cui ha denunciato la fake news diffusa dalla Iena Matteo Viviani, sembra proprio di no. Nel caso in cui comunque la Blue Whale dovesse rientrare invece nella rosa delle scelte, Scuola Zoo suggerisce di fare delle considerazioni personali solo al termine del saggio e di concentrarsi invece nell'evoluzione del fenomeno nella gran parte del testo. Si ricorda inoltre che come ogni articolo che si rispetti, data la sezione corrispondente a questa traccia, lo scritto deve comprendere un sottotitolo, un cappello, ovvero una parte in cui si riassume brevemente i punti cardini del testo, e lo svolgimento. Infine, la conclusione con le proprie considerazioni.  

 Ed è ancora Skuola.net a tirare le somme e fare chiarezza su quelli che rimangono i più grandi interrogativi della Maturità 2017. Non si tratta di novità, ma di semplice statistiche raccolta in anni e anni di Esami di Stato, in cui il comportamento dei maturandi si è rivelato quanto meno invariato. Diversi studenti potrebbero infatti presentarsi il giorno sbagliato, circa 1 su 10 secondo la stima, mentre 1 su 2 potrebbe arrivare addirittura in largo anticipo oppure in terribile ritardo. Circa il 10% degli studenti non conosce infatti la data d'inizio degli esami di Maturità 2017 ed addirittura il 50% sbaglierebbe l'orario di partenza per le prove scritte. 1 su 5 inoltre non sa che si avranno a disposizione sei ore per svolgere il tema di italiano, mentre 1 su 7 non sa che è necessario presentarsi all'Esame di Stato munito di documento di riconoscimento. 

© Riproduzione Riservata.