BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Educazione

SCUOLA/ Troppi Neet? Qualcuno spinge i giovani a scegliere le scuole sbagliate

L'Italia detiene il poco invidiabile record di Paese con il maggior numero di giovani Neet fra i 15 e i 24 anni. Un dato che dovrebbe interrogare i prof delle medie. GIANNI ZEN

LapresseLapresse

Dunque, gli ultimi dati dicono che l'Italia detiene il poco invidiabile record di Paese con il maggior numero di giovani fra i 15 e i 24 anni che non hanno un lavoro e nemmeno lo cercano (Neet). Se la media Ue è dell'11,5 per cento, in Italia siamo al 19,9 per cento. 

Se poi, oltre a questo dato, teniamo in giusta considerazione il trend di persone che in Italia vivono in condizioni di povertà (11,9 per cento), dovremmo essere tutti della convinzione che questa dovrebbe essere la priorità di un Paese che ha il coraggio di guardare in faccia il proprio presente-futuro. Con scelte forti, da condividere, al di là delle normali differenze anche di bandiera politica.

In Francia, ad esempio, è protesta aperta per le iscrizioni universitarie, con richiesta di piena valorizzazione dell'orientamento da parte delle scuole e delle stesse università, al di là dei test. È forte cioè la domanda di pari opportunità, di equità.

In Italia invece è altrettanto forte, ancora più forte, causa dei drammatici dati sulla disoccupazione giovanile e dei Neet, lo scarto tra formazione e lavoro.

Che la formazione, ce lo ripetiamo, non debba essere finalizzata solo al mondo del lavoro, è cosa ovvia. Per la sottolineatura, invece, della formazione della persona, prima che delle sue competenze professionalizzanti. Ma i dati sulla disoccupazione, e quelli su titoli di studio senza mercato di lavoro come su profili occupazionali che non trovano risposte, dovrebbero portare la discussione su un punto, che nessuno ha ancora oggi avuto il coraggio di mettere in evidenza.

Parlo dell'orientamento alla scelta della scuola superiore. Per l'orientamento universitario è oramai assodato che, per alcune facoltà, è giusto ed equo il filtro dei test d'ingresso. Il problema è che questo filtro venga fatto bene, ma non viene messo in discussione il "se", a parte alcune frange minoritarie.

E per l'orientamento alla scuola superiore?

Il familismo italico sino ad ora ha garantito alle famiglie la scelta, con risultati che conosciamo, visto il 50 per cento circa delle scelte per i licei, e conseguente declassamento, nell'immaginario, dei percorsi tecnici, professionali e regionali. Quasi una classifica qualitativa tra scuole e indirizzi, con in mezzo i titolari dell'orientamento delle scuole medie, cioè i docenti, tutti figli dei profili liceali. 

Inutile parlare di pari dignità, di pari opportunità. Inutile parlare di attenzione ad attitudini, passioni, opportunità, sensibilità, per gli studenti. Tutto inutile.

Senza dimenticare poi il contesto ambientale, al di là di attitudini e talenti: parlo della pressione dei genitori perché i licei accolgano i loro figli per ragioni, appunto, ambientali, per il clima e la tranquillità, cioè per la cornice educativa.

Affermo tutto questo perché da quest'anno, viste le tante iscrizioni al mio liceo (a settembre saranno 2.170), ho introdotto, date le troppe iscrizioni, un primo filtro qualitativo, affidandomi alle indicazioni di orientamento delle scuole medie. Non c'era alternativa, nè è possibile affidarsi alla ruota della fortuna, come il sorteggio, per ovvii motivi. Perché il cuore della scuola è l'accompagnamento alla chiarificazione dei ragazzi in ordine ai propri talenti, attitudini, sensibilità, preparazione di base.

Che sia necessario, visti i punti critici cui si è fatto cenno, introdurre e prevedere anche nel nostro Paese ciò che già è previsto in altri Paesi, cioè prove di orientamento, vincolando l'iscrizione all'indirizzo delle superiori al loro esito? Con iscrizione da parte delle scuole medie, e non più delle famiglie?

È giusto che se ne parli, di discuta, si ragioni, oltre gli steccati e le tradizioni.

© Riproduzione Riservata.
COMMENTI
21/07/2017 - E se li abolissimo, i licei? (Vincenzo Pascuzzi)

GIÀ QUALCHE ANNO FA segnalavo «Iscrivere i figli al liceo è diventata una moda, uno status symbol? Proprio così e a ragione. Famiglie, studenti e docenti hanno instaurato un circolo virtuoso: i migliori vanno alle scuole migliori e queste risultano migliori proprio perché attraggono i migliori, sia prof e che studenti! Il fatto che “i livelli dell’istruzione liceale sono vertiginosamente crollati” non modifica il giudizio in termini relativi. Per quanto svalutati, i licei risultano ancora più validi e attrattivi rispetto a tecnici e professionali. La fama o la nomea si auto realizzano, continuano il circolo virtuoso. Virtuoso? Sì, relativamente e per chi ne fa parte. Complessivamente (per tutta la scuola e per la nazione) il circolo risulta invece vizioso, negativo e svantaggioso.» QUESTO IL LINK all'articolo: http://www.orizzontescuola.it/pensiamo-al-dopo-gelmini-e-se-li-abolissimo-i-licei/

 
19/07/2017 - approvo Zen e il commento a Zen... (alberto tondina)

Se i giornali parlano di "rivincita dei Licei", ci mettono anche il loro... se si considera anche la alternanza scuola lavoro, buona e da valorizzare nella valutazione nei tecnici, sostanzialmente una perdita di tempo per i licei... è chiaro l'errore di prospettiva, la finta unificazione in nome dell'uguaglianza. i licei leggeri sono un errore. perfetto e aggiungo: troppe materie di poche ore nei tecnici rendono difficile sia il lavoro di docente, sia l'attenzione educativa e sociale verso i ragazzi. e aggiungo: nei professionali bisogna dare più spazio alle materie pratiche e professionalizzanti, dove i ragazzi "difficili" spesso rinascono, e piantarla con lo studio di funzione e altre preziosità teoriche (di cui è molto teorica sia la effettuazione, sia la verifica) ah già: questo toglierebbe posti di lavoro ai docenti... questo è stato il principale criterio finora... amen (tra l'altro, i genitori non hanno torto a temere classi dove la metà dei docenti diventa stabile da novembre, o da gennaio...)

 
19/07/2017 - ferite aperte (Giuliana Zanello)

L'articolo con chiarezza mette il dito sulla piaga, probabilmente non l'unica ma forse la più grave, tale da aggravarne molte altre, della scuola italiana. Integrerei un punto: se è vero che l'attuale situazione danneggia l'immagine di tecnici e professionali, non meno male fa ai licei, progressivamente corrosi nella possibilità di assicurare una preparazione culturale solida e almeno inizialmente critica. Un paio di osservazioni. Nell'ottica adottata da Zen, a mio avviso corretta, dovremmo avere il coraggio di dire che i 'licei leggeri' introdotti dalla riforma Gelmini sono un errore. E' vero, poi, che determinate scuole vengono scartate in quanto ritenute non affidabili sul piano ambientale/educativo. A volte è un pregiudizio ma spesso non lo è, e tutti sappiamo quali siano le priorità, per un genitore che deve decidere che fare di un ragazzo dall'adolescenza difficile. Voglio dire che la scelta del liceo (almeno 'leggero') a volte è dettata da malriposte ambizioni ma altre volte no. Che cosa occorre, allora? Occorre che le scuole socialmente 'difficili' siano messe in grado, da subito, di offrire sicurezze sul piano educativo, cioè che su di esse vengano convogliate risorse, così da consentire, in primo luogo, un rapporto molto basso tra docenti e allievi e, più in generale, tra adulti e ragazzi. Insomma, nel distorcere le scelte delle famiglie il ministero ci ha messo del suo, non nascondiamocelo!