BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Comunali Milano

ELEZIONI MILANO/ Video, lo spot di Telepadania contro Giuliano Pisapia

In attesa del ballottaggio del 29 e 30 maggio per le comunali a Milano, Telepadania manda in onda uno spot che farà sicuramente discutere su Giuliano Pisapia

Giuliano Pisapia (Foto Imagoeconomica)Giuliano Pisapia (Foto Imagoeconomica)

In attesa del ballottaggio del 29 e 30 maggio che deciderà chi tra Letizia Moratti e Giuliano Pisapia sarà sindaco a Milano, Telepadania manda in onda uno spot che farà sicuramente discutere, ma che toglierà anche ogni dubbio sul fatto che la Lega Nord non si stia impegnando nella campagna elettorale del sindaco uscente.

Lo spot, che dura circa tre minuti, ha come protagonisti una donna e un ragazzo che seduti su una panchina parlano appunto dell’importante voto di Milano. I due cominciano a commentare il programma di Pisapia, evidenziando che intende realizzare nel capoluogo lombardo un grande centro di cultura islamica, oltre a una moschea. Viene detto che Pisapia sarà il sindaco degli stranieri con tanto di diritto di voto per i referendum e le consultazioni comunali e accesso ai concorsi per i posti di lavoro pubblici, a discapito dei lavoratori italiani.

Si parla poi di Via Padova, vista dai due come luogo poco sicuro e invece valorizzato da Pisapia come laboratorio sociale. Vengono inoltre esposte le soluzioni per altri “amici” di Pisapia, i Rom, attraverso la legalizzazione delle case abusive dei nomadi. Per Pisapia, inoltre, il problema della sicurezza in città non esisterebbe, tanto da voler ridisegnare i compiti della polizia locale, sgravandola dai compiti relativi alla sicurezza affidatile dall’attuale amministrazione.

Lo spot si chiude con la donna che afferma: “Beh, mi sembra chiaro che Milano ha in mente questo Pisapia” e i due protagonisti che si alzano dalla panchina e se ne vanno mentre in sottofondo suona una musica arabeggiante. E poi una voce fuoricampo che dice: “Fai come noi, prima di votare informati bene. Vota consapevolmente”.