BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

BALLOTTAGGIO ELEZIONI COMUNALI/ Video Milano, Berlusconi vota. "Auguri all'Inter"

Berlusconi è andato ieri sera a votare, intorno alle 20. Si è recato pressa la scuola Dante Alighieri di via Scrosati dove ha espresso la propria preferenza per il candidato sindaco.

Immagine d'archivio Immagine d'archivio

Il presidente del Consiglio è andato ieri sera a votare, intorno alle 20. Si è recato presso la scuola Dante Alighieri di via Scrosati dove ha espresso anch’egli la propria preferenza per il candidato sindaco. Facile intuire se avrà messo il segno sul nome di Letizia Moratti o Giuliano Pisapia. Ai presenti è apparso sorridente e rilassato. Ha scambiato qualche parola con gli scrutatori ma non ha voluto lasciare alcuna dichiarazione ai cronisti: «C'è silenzio stampa, come è logico che sia», si è limitato a dire. Con una scrutatrice non ha potuto fare a meno di inscenare un siparietto, rimproverandola scherzosamente: «lei è sempre poco sorridente, non si preoccupi: sorrida!». Fuori dal seggio oltre ad alcuni sostenitori del Pdl lo attendeva il coordinatore regionale del partito, Mario Mantovani.  A chi gli ha chiesto, al’uscita dei seggi se volesse fare gli auguri all'Inter impegnata contro il Palermo nella finale di Coppa Italia, Berlusconi ha risposto «Certamente». Nella stessa giornata di ieri, si è appreso che una donna di 75 anni del cremonese, Teresa Paola Cremona, ha querelato il premier per una frase pronunciata alcuni giorni fa in vista dei ballottaggi: «Chi vota a sinistra è senza cervello», aveva dichiarato. «Una frase infelice, che mi offende come cittadina italiana», ha detto la donna che ha sporto querela presso il commissariato di polizia di Bonola in via Falck a Milano, dove la donna risiede. «Querelo il signor Silvio Berlusconi mio presidente del consiglio – si legge in un foglio scritto a mano dalla donna e consegnato all’atto della querela -  in quanto viviamo in una società democratica, dove ciascuno deve poter esprimere le proprie idee e le proprie volontà senza venire attaccato oppure offeso da chi dovrebbe invece rappresentare la pace e la libertà di pensiero».

IL VIDEO DI BERLUSCONI CHE VOTA – CLICCA > QUI SOTTO 


IN EVIDENZA