BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

INVENZIONI/ Spegni la caldaia e avrai la casa più calda

Pubblicazione: - Ultimo aggiornamento:

Foto Fotolia  Foto Fotolia

Ha iniziato nel 1965 con il progetto di “interruttore elettromagnetico differenziale”, in seguito ceduto dalla società per la quale lavorava a un’altra società per la realizzazione del ben noto “salvavita”. Da allora la carriera di Franco Russi come inventore non ha conosciuto soste, in una straordinaria progressione di progetti e brevetti. Da un primo sistema per teleconferenze, a un dispositivo per l’immissione automatica di messaggi su reti telematiche di tele-processing di grosse dimensioni (applicato in diverse banche); da un metodo per la prevenzione delle scariche elettrostatiche distruttive dei materiali elettronici, a un approccio biometrico per la realizzazione di sistemi di pagamenti sicuri senza l’uso di carte plastificate.

E ora la novità su un tema del momento: il risparmio energetico. In effetti, non è propriamente una novità, se si considera che il Me.Si. - così si chiama l’ultima invenzione di Russi - è stato brevettato in Italia nel 2006 e nell’Ue nel 2007 ed è stato presentato ufficialmente a Roma nel luglio 2008 in un’audizione organizzata presso il Cnel dall’Authority per l’Energia e il Gas. E l’idea era allo studio da tempo, come ricorda lo stesso inventore: «Il Me.Si. è un metodo e un sistema per ridurre i consumi di combustibile negli impianti di riscaldamento. L’idea mi è venuta quando mi sono reso conto dell’enorme spreco di combustibile che si verifica nei normali impianti di riscaldamento quando l’ambiente non è ancora sufficientemente caldo, ma il termosifone è arrivato al massimo della sua temperatura (circa 60 °C); in tutto il tempo necessario per portare l’ambiente alla temperatura desiderata, la caldaia continua a funzionare, ma consuma combustibile inutilmente. Ho quindi iniziato a riflettere sul fenomeno dell’inerzia termica di tutti i materiali coinvolti in un impianto e ho pensato che, quando il termosifone è alla massima temperatura, si può fermare la caldaia e far sì che sia il termosifone a scaricare nell’ambiente il calore immagazzinato; dopo di che si raffredderà. Allora si farà ripartire la caldaia affinché il termosifone continui a scaldare il locale; che però è già abbastanza caldo e richiede un minor apporto calorico, consentendo di allungare i periodi di spegnimento della caldaia».

L’idea geniale è quindi quella di ottimizzare il trasferimento del calore dalla caldaia all’ambiente regolando opportunamente i tempi di accensione della caldaia stessa: e ciò nel rispetto di rigorosi principi di fisica, facendo leva cioè sull’inerzia termica dei materiali dell’impianto e di tutto l’ambiente e sulla loro capacità di scambiarsi reciprocamente l’energia termica. Il sistema Me.Si. riesce quindi a evitare gli sprechi, adeguando la domanda di calore da parte dell’ambiente alla sua reale capacità di assorbimento.



  PAG. SUCC. >


COMMENTI
03/12/2011 - Commento (andrea perucci)

Ho già sentito parlare di questo prodotto perchè un mio amico l'ha installato e pare che funzioni davvero come dice quest'articolo; a me è sembrato un pò strano come princìpio.......

 
27/11/2011 - sembra che lei eviti (Fabrizio Terruzzi)

sembra che lei eviti di proposito di fornire una qualche indicazione su chi lo produce o lo installi. Quindi a che mi serve sapere se poi non posso farci niente? Si faccia coraggio e dica qualcosa di più utile al lettore.

 
25/11/2011 - idea da applicare (Luciano Broggi)

Molto interessante!! Ma dove si può acquistare? Luciano Broggi