BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

INTERNET/ Il fondatore di Wikipedia incontra il governo cinese

Il vertice tra Wikia e il governo di Pechino, rappresentato da Cai Mingzhao, ha avuto come tema la censura dei contenuti online. Wales sta cercando di aprire un canale di comunicazione e di dialogo tra la comunità di Wikipedia e la Cina

censura_internetR375_2ott08.jpg (Foto)

La Cina sta per togliere la censura nel web? La notizia per ora circola solo nei blog diappassionati di tecnologia, ma non si tratta solo di questo. Il governo di Pechino potrebbe spalancare le porte a Internet e permettere ai cittadini cinesi di navigare liberamente: il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales ha incontrato Cai Mingzhao, rappresentante della Repubblica Cinese, per affrontare la questione della censura sul web.

 

La censura - Un numero crescente di cinesi si connette ad Internet, ma il governo ha da sempre applicato una politica di controllo dei siti e dei contenuti. Wikipedia, invece, è l’enciclopedia libera più grande del mondo, con una politica di libertà di pensiero e neutralità dei contenuti. Dal 2005 sia la versione inglese che quella cinese di Wikipedia sono state bloccate in Cina, per essere sbloggate recentemente in previsione delle Olimpiadi, grazie anche alla pressione del CIO. La risposta di Wales era stata decisa: nè Wikipedia, nè la sua società, Wikia, avrebbero mai accettato di censurare i contenuti dietro richiesta delle autorità cinesi.

 

Il grande Firewall - Secondo Wales, la riunione avvenuta con i rappresentanti del governo cinese è stata un’occasione per conoscersi a vicenda. Dopo aver sollevato le preoccupazioni per il blocco di Wikipedia, ha accolto con favore il suo successivo sblocco ed ha espresso la speranza che le cose in futuro migliorino. Elemento discordante è stato il Grande Firewall, che attualmente blocca una grande quantità di siti ritenuti ostili dal governo. Ma, al contrario di quanto avveniva nel recente passato, oggi il Grande Firewall può solo bloccare singole pagine. Per esempio, oggi Wikipedia è accessibile dai cinesi, e perfino alcune pagine che fanno riferimento a Piazza Tienanmen.La speranza,di Wales è che la rete diventi, anche in Cina, sinonimo di libertà di parola e di pensiero.

© Riproduzione Riservata.