BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

CONGO/ Muzito in missione nell'aerea della crisi. L'Onu è pronto a mediare

Il primo ministro della Repubblica democratica del Congo andrà in visita nella zona “calda” del Paese: la parte Est. Si tratterrà a Goma, la città minacciata dai ribelli. Il Segretario delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon, si è detto ieri sera disponibile ad andare in Africa per tentare di risolvere la crisi

elmoonu_congoR375_4nov08.jpg (Foto)

Il primo ministro della Repubblica democratica del Congo, Adolphe Muzito, visiterà la parte Est del paese, in particolare Goma, il capoluogo provinciale minacciato dai ribelli di Laurent Nkunda che sono appostati a una quindicina di chilometri dalla città. Lo si è appreso da una fonte ufficiale a Kinshasa. Muzito, nominato alla guida del governo il 10 ottobre scorso e la cui priorità principale è quella di riportare la pace nell'est del paese dove operano numerosi gruppi armati, visiterà oltre alla provincia del Nord-Kivu, le città di Bukavu (Sud-Kivu), Kisangani e Dungu (Provincia orientale).

Onu pronto a mediare - Il generale ha chiesto una trattativa diretta col governo di Kinshasa, ma l'esecutivo ha respinto l'offerta. Il segretario generale dell'Onu, Ban Ki-Moon, si è detto ieri sera disponibile ad andare in Africa per tentare di risolvere la crisi e ha discusso a lungo in questi giorni della questione con i presidenti del Congo, Joseph Kabila e del Ruanda, Paul Kagame. L'Onu intanto ha nominato l'ex presidente nigeriano Olusegun Obasanjo inviato speciale nel paese e il generale senegalese Babacar Gaye capo della missione militare dell'Onu in seguito alle dimissioni a ottobre dello spagnolo Vincente Diaz dopo un solo mese di incarico (secondo la stampa africana per sfiducia nella politica Onu).

Interviene l'Unione Africana - Anche l'Unione africana ha scelto un emissario per la crisi congolese, l'ex ministro degli Esteri senegalese Ibrahim Fell, che si recherà a Kinshasa già domani. Secondo il ministro degli Esteri sudafricano, si parlerà di Congo anche al summit dei leader africani sullo Zimbabwe che si riunirà domenica prossima in Sudafrica. Intanto è grave l'emergenza umanitaria. l'Unicef parla di centomila profughi nel Nord Kivu, di cui sessantamila sono bambini.

© Riproduzione Riservata.