BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

Zapatero vara il nuovo governo e rinuncia a baschi e catalani

Pubblicazione:

Zapatero_FN1.jpg

Seguendo il famoso adagio «squadra che vince non si cambia», José Luis Rodriguez Zapatero, ha tutta l’intenzione di riproporre gran parte dei ministri uscenti, oltre a concentrare nelle cariche governative e parlamentari il più alto numero dei suoi “fedeli” collaboratori.
E così sembra certissimo che i vicepresidenti Maria Teresa Fernandez de la Vega e Pedro Solbes ritroveranno il loro posto, così come il ministro degli Esteri, Miguel Angel Moratinos, e quello della Giustizia, Mariano Fernandez Bermelo.
In forse il ritorno del ministro degli Interni, Alfredo Perez Rubalcaba, che potrebbe ritirarsi dalla politica attiva per ragioni famigliari, mentre l’ex titolare della Difesa, José Antonio Alonso è diventato portavoce del gruppo parlamentare socialista.
A completare il quadro dei “fedelissimi” di Zapatero, mancano ancora da “piazzare” il ministro del Lavoro, Jesus Calderam, e quello dell’Abitazione, Carme Chacon , mentre José Blanco, segretario organizzativo del Psoe, che sembrava vicino a un Dicastero, probabilmente dovrà restare al suo posto.

Un deciso taglio col passato Zapatero lo vuole dare nel rapporto con i piccoli partiti locali (catalani e baschi) che nella scorsa legislatura gli hanno permesso di governare in cambio di concessioni “nazionaliste” che sono state molto criticate dall’opposizione. Tuttavia, il suo partito, pur avendo aumentato i seggi rispetto alla scorsa legislatura, non ha ancora la maggioranza assoluta della camera bassa (per soli 7 deputati). Questo significa che Zapatero, per non cedere ad alleanze “scomode”, dovrà rinunciare alla sua nomina al primo turno (che richiede appunto la maggioranza assoluta), per averla al secondo turno, quando la maggioranza richiesta diventa semplice.

Sembrerebbe non esserci nulla di male in questo, ma in Spagna un’elezione del Presidente alla seconda votazione è avvenuta una sola volta, nel 1981. Forse potrebbe costare un po’ di prestigio, ma gli ambienti socialisti sono convinti che Zapatero avrebbe tutto da guadagnarci da una scelta di campo così netta.
 
Non va dimenticato, tuttavia, che Zapatero sicuramente non farà cambiamenti per quanta riguarda i temi che più stanno a cuore alla Chiesa: la difesa della vita e della famiglia. È quello che ci ricorda Restan nel suo articolo, in cui sottolinea come i cattolici possono muoversi per difendere la loro identità culturale in questo difficile momento.
 
(Foto: Imagoeconomica)


© Riproduzione Riservata.