BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

USA/ La sanità di Obama dice no all'aborto di stato

Pubblicazione:

Usa_No_Aborto_Sanit%C3%A0R375.jpg

Il progetto di legge è poi stato approvato nella tarda serata di sabato con una risicata maggioranza di 220 voti contro 215. I Repubblicani, con una notevole eccezione, erano decisi a esprimere comunque un voto contrario. Anh "Joseph" Cao, un ex attivista vietnamita e deputato Repubblicano di New Orleans alla prima legislatura, aveva dichiarato però di votare a favore del progetto di legge, se fosse stato approvato l’emendamento.

 

 

Cao, che è stato seminarista dai Gesuiti ed è noto come un devoto cattolico, ha dichiarato: “Con l’inserimento di questo emendamento nel progetto di riforma sanitaria, i miei colleghi e io stesso abbiamo reso migliore il progetto di legge ed è un risultato di cui sarò sempre orgoglioso”. Aggiungendo in un’intervista alla CNN: “ Mi sono sempre concentrato sul prendere le decisioni giuste per la gente della mia circoscrizione, senza badare alle conseguenze sul mio futuro politico”. Ora tocca al Senato, dove la battaglia sarà ancora più combattuta.



© Riproduzione Riservata.

< PAG. PREC.  


COMMENTI
12/11/2009 - Dio benedica i vietnamiti... (Francesco Giuseppe Pianori)

Una bella notizia. Vescovi, Repubblicani e Democratici uniti per assicurare la vita oltre che la salute. Fosse successo in Italia avrebbero accusato i Vescovi di intromissioni clericali indebite e avrebbero espulso dal Partito il deputato vietnamita per non aver rispettato la disciplina interna. Dio benedica i Vietnamiti!

 
11/11/2009 - titolo fuorviante (alessandra nucci)

Contesto il titolo di questo articolo. Va bene la necessità di essere sapidi e incisivi in poco spazio, ma associare il nome di Obama all'emendamento ANTI-aborto induce a pensare che sia suo il merito, mentre lui è e resta un convinto pro-choice.

 
10/11/2009 - Addosso all'aborto. (claudia mazzola)

L'aborto non è questione di denari o di leggi, l'aborto è di fatto una creatura esistente che viene meno nel momento di nascere perchè immaturo, non c'è scritto da nessuna parte che dobbiamo ucciderlo noi!

 
10/11/2009 - aborto (cesare barbadoro)

Nel disincentivarlo economicamente si dimostrano, i democratici di Obama, più coerenti di noi nel considerare l’aborto come il crimine più odioso del comune sentire cristiano e saranno accusati, dai soliti cultori dell’emancipazione femminile, di oscurantismo o altre balle, come….non pienamente democratici, discriminatori e oppressori della fascia più debole della popolazione. Come se l’aborto fosse una conquista sociale, orgoglio di ogni “civile” società! A tal proposito mi domando: cosa potrebbe succedere se in Italia, a modello Obama, fosse presentata una simile, ineccepibilmente morale, disincentivazione dell’aborto?