BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

IRLANDA/ È ancora terrore: morto ieri un poliziotto in un agguato

L'attacco fa seguito alla sanguinosa aggressione armata di sabato sera, quando due soldati di 21 e 23 anni sono stati uccisi davanti alla basa del Genio di Massereene

Irlanda_BandieraR375_24feb09.jpg(Foto)

Un agente della polizia dell'Ulster ieri sera è rimasto ucciso nella contea di Armah in un attacco armato che rischia di far nuovamente sprofondare la provincia in una violenza che sembrava appartenere ormai alla storia.

L'attacco fa seguito alla sanguinosa aggressione armata di sabato sera, quando due soldati di 21 e 23 anni sono stati uccisi davanti alla basa del Genio di Massereene, nella contea di Antrim, da militanti della Real Ira, un gruppuscolo di irriducibili repubblicani che non ha mai accettato gli accordi interconfessionali di pace del 1998.

«Stasera siamo veramente sull'orlo dell'abisso e vorrei implorare tutti di tornare subito indietro», ha detto dopo aver appreso dell'uccisione del poliziotto Dolores Kelly, un influente membro del partito cattolico dell'Sdlp.

Al momento i particolari sono scarni. Nella località di Craigavon, secondo quanto riferisce la BBC, la polizia ieri sera è stata chiamata per un controllo nei pressi di una scuola attorno alla quale erano stati notati movimenti sospetti. Una pattuglia si è recata sul posto ed è stata attaccata da uno o più sconosciuti a colpi di arma da fuoco. Un agente è stato colpito ed è stato trasportato agonizzante in ospedale, dove poco dopo, secondo un annuncio ufficiale, è morto. Non è noto se anche questo attacco sia opera degli irriducibili della Real Ira.

Sir Hugh Orde, capo della polizia nell'Ulster, ieri ha smentito che l'attacco sia stato causato dall'uso, da lui richiesto, dell'intelligence militare per raccogliere informazioni proprio sulle frange irriducibili repubblicane.

Il governo della provincia, popolata da una maggioranza protestante e da una minoranza cattolica, è attualmente costituito da una coalizione interconfessionale.

© Riproduzione Riservata.