BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

Esteri

CECENIA/ Natalia Estemirova uccisa come la “maestra” Politkovskaya: il ricordo di Memorial

Per gentile concessione dell’ASSOCIAZIONE MEMORIAL pubblichiamo quanto diffuso a mezzo stampa da parte della stessa non appena si è venuti a conoscenza dell’efferato omicidio compiuto nei confronti della giornalista Natalia Estemirova

estermirovaR375_16lug09.jpg(Foto)

Per gentile concessione dell’associazione russa Memorial pubblichiamo quanto diffuso a mezzo stampa da parte della stessa non appena si è venuti a conoscenza dell’efferato omicidio compiuto nei confronti della giornalista Natalia Estemirova. La giornalista, membro dell’associazione, è stata rapita l’altro ieri mattina a Grozny e giustiziata nel giro di poche ore. È stata ritrovata con il corpo crivellato da colpi di arma da fuoco. Da anni difendeva le cause delle minoranze cecene contro i numerosi  soprusi del governo di Ramzan Kadyrov

La nostra amica e collega oggi è stata uccisa.

Per quasi dieci anni Natalia è stata una attivista di primo piano dell’HRC (Human Rights Center) Memorial nel Caucaso del Nord, in Cecenia. Natalia non solo raccoglieva informazioni sulle violazioni dei diritti umani, ma era una persona vicina alla gente comune, cercava di aiutare le vittime dei bombardamenti, dei rastrellamenti, delle torture. Chiedeva alle autorità cose impossibili: che cessassero di agire illegalmente, e ci riusciva per la sua fermezza nel credere nella sua giusta causa e nella forza della legge. Per il suo lavoro Natalia è diventata famosa in tutta la Cecenia e la gente veniva da lei per essere aiutata, nella speranza che almeno i crimini diventassero noti al pubblico. Natalia è stata minacciata molte volte da funzionari di vari livelli, ma non ha mai fermato il suo lavoro, convinta che fosse necessario alla Cecenia.

Oleg Orlov, capo del consiglio di amministrazione del HRC Memorial ha detto:

«So di sicuro chi è il responsabile dell’uccisione di Natalia Estemirova.Tutti noi conosciamo quest’uomo. Ramzan ha minacciato Natalia, l’ha insultata, la considera un suo nemico personale. Non sappiamo se è stato Ramzan stesso a dare l’ordine di uccidere Natalia o se qualcuno dei suoi lo ha fatto per compiacere le autorità. E il presidente Medvedev sembra soddisfatto di avere un assassino a capo di una delle repubbliche russe».

Quando Natasha dichiarò che le giovanni in Cecenia erano quasi costrette a indossare il velo in pubblico, fu invitata ad un colloquio privato con Ramzan Kadyrov. Natalia disse poi di essere stata minacciata da Kadyrov: «Le mie mani sono già coperte di sangue. E non me ne vergogno. Ho ammazzato e ammazzerò i cattivi. Noi combattiamo i nemici della nostra repubblica».

Sappiamo che le ultime notizie fornite da Natalia su nuovi rapimenti, esecuzioni senza processo, sulla fucilazione pubblica di alcune persone in un villaggio ceceno hanno causato una forte irritazione agli alti livelli delle autorità cecene. Abbiamo sottovalutato la situazione e ne siamo responsabili.

Diciamolo chiaramente: la Russia sta soffrendo per il terrorismo dello Stato e siamo a conoscenza di uccisioni in Cecenia e in altre regioni. Chi cerca di dire la verità o esprimere critiche alle autorità viene ucciso. Ramzan Kadyrov ha reso impossibile agli attivisti per i diritti civili di operare in Cecenia. Chi ha ucciso Natalia Estemirova voleva bloccare il flusso di informazioni attendibili dalla Cecenia. Sembra che ci sia riuscito.

(Associazione Memorial)

© Riproduzione Riservata.