BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

LA STORIA/ Così Avsi-Fao in Birmania aiutano i contadini a produrre riso

Pubblicazione:

Birmania_Avsi_risoR400.jpg

Tutto è iniziato lo scorso 19 maggio, quando la Fondazione AVSI ha firmato un contratto di collaborazione con la FAO in Birmania, Myanmar, per la realizzazione del progetto “Support to Special rice production” che prevede il sostegno per il miglioramento della produzione del riso e la fornitura di sementi e altri aiuti agli agricoltori. “In pratica - spiega Luciano Valla, rappresentante di AVSI nel Sud Est Asiatico - si migliorano le conoscenze dei contadini, si fa formazione e si distribuiscono beni per migliorare la qualità e la quantità della produzione di riso”.

Le attività sono concentrate nella regione dello Shan State, nel centro del Paese. “Le attività sono molteplici. – continua Valla – Vengono organizzati campi scuola per insegnare a coltivare, meglio e di più, a 30 gruppi di agricoltori in 30 villaggi diversi, per un totale di 750 beneficiari diretti. I temi delle lezioni, di un giorno, che si tengono ogni due settimane in ogni villaggio lungo un arco di cinque mesi, riguardano il miglioramento delle tecniche di coltivazione e la raccolta del riso.

Di particolare importanza è l’introduzione di nuove modalità di selezione delle sementi per la nuova stagione, così da ottenere un effetto stabile e duraturo di miglioramento della qualità. Tra i beni da distribuire ci sono nuovi sementi di buona qualità e di nuove varietà da sperimentare e attrezzature meccaniche, come pompe per facilitare la gestione dell’acqua nei campi.”

Sostenere gli agricoltori significa sostenere i bisogni delle loro famiglie che spesso sono di vera sopravvivenza, dovuta a una instabilità alimentare che la sue ragioni prime nella scarsa produzione agricola. “L’inscindibile legame tra produzione alimentare e nutrizione – sottolinea Alberto Piatti, Segretario Generale della Fondazione AVSI – è il filo conduttore di molte nostre esperienze nel mondo che stanno già facendo scuola, anche in vista dell’Expo2015 di Milano. Il metodo con cui lavoriamo parte sempre dall’incontro con una persona e con le sue necessità. Ecco perché in Birmania affrontiamo il problema della fame partendo dal lavoro del contadino.”

Il progetto di AVSI con la FAO ha una seconda componente che prevede la produzione di sementi di ottima qualità. “A Kalaw, una città nella regione del Shan State, nelle vicinanze di una stazione di produzione di sementi del ministero dell’Agricoltura birmana, vengono coltivati 50 acri di terreno con nuove sementi di qualità. Il terreno appartiene agli agricoltori che hanno stipulato un contratto di collaborazione con il nostro progetto e con il ministero dell’Agricoltura. E’ un passo importante che stabilisce un legame certamente insolito che sta facendo germogliare azioni di sviluppo.”

 

Continua

 


  PAG. SUCC. >