BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |
Imposta Come Homepage   |   Ricerca Avanzata  CERCA  

DIARIO HAITI/ Fiammetta: il colera dilaga, i morti aumentano ma la gente si dimentica di noi

Pubblicazione:mercoledì 10 novembre 2010

haiti_tende_acqua_coleraR400.jpg (Foto)

Ormai è un'evidenza: l'epidemia di colera dilaga in città e altrove. Ci sono casi accertati a Petit Goave (15 ospedalizzati), a ovest della capitale, e anche a Les Cayes (5 casi ospedalizzati), dove portiamo avanti principalmente attività di sviluppo rurale. Il sud era l'unico baluardo importante di non contagio.

Attualmente i numeri ufficiali si attestano su circa 8.000 contagiati e oltre 500 morti, ufficiali. I documenti pubblici parlano anche di under-reporting pari al 400%, ciò porterebbe secondo le loro stime il numero di contagiati a oltre 50.000 (speriamo non sia così).

La cosa che ci riguarda più da vicino è il focolaio di epidemia di Warf Jeremie, uno dei quartieri di Cité Soleil della capitale Port-au-Prince, dove sosteniamo le attività dell'amica Suor Marcella. Siamo tutti stupiti dall'escalation del contagio. Da una persona sospetta, a un morto accertato, in poche ore si è arrivati a 4 morti (ieri), 2 oggi e decine e decine di contagiati trattati nella clinica di Marcella.

La situazione stamattina all'apertura è apparsa subito grave ed è peggiorata con il passare delle ore. Su richiesta di aiuto di suor Marcella, abbiamo distaccato da lei per il pomeriggio Cristina, la nostra infermiera, che se l'è cavata benissimo ed è stata di grande aiuto. Sempre su richiesta di suor Marcella e grazie all'impegno di Marianna, la nostra cooperante che segue un programma nutrizionale, abbiamo consegnato alla loro clinica materiali di uso comune, e per l'igiene.


  PAG. SUCC. >

COMMENTI
10/11/2010 - Vi pensiamo. (claudia mazzola)

Non è vero cara Fiammetta che vi dimentichiamo. Sabato sono stata alla riunione annuale di AVSI, tra le tende di Natale per noi volontari che raccogliamo fondi c'è anche Haiti, siete nei nostri cuori. Sai che ci sono tantissime emergenze nel mondo ed in Italia e come si fa a seguire tutto, solo a Dio nulla è impossibile. Coraggio sei grande!