BENVENUTO   |   Login   |   Registrati   |

USA/ Condannato a morte 35 anni fa, si spegne aspettando l’esecuzione

Carcere_Luce_SbarreR375.jpg (Foto)

 

Come scrive la Cnn sul suo sito, il Texas, che dal 1976 ha giustiziato più carcerati di qualsiasi altro Stato Usa, paga 86,08 dollari per eseguire la condanna di un detenuto nel braccio della morte. E’ questo infatti il costo dei medicinali utilizzati nell’iniezione letale, secondo la divisione statale di Giustizia criminale. Questo comparato con i 17,338 dollari di media che costa mantenere un detenuto nei carceri texani per 12 mesi, secondo i dati relativi al 2009 del National Institute of Corrections, che è sotto la media nazionale pari a 28,689 dollari. La vicenda di Chambers, come già sottolineato, è stata paragonata a quella di Robert Excell White, il detenuto texano imprigionato più a lungo nel braccio della morte, giustiziato la notte del 30 marzo 1999. con un’iniezione letale all’età di 61 anni.

 

Quando una guardia gli ha chiesto quali fossero le sue ultime volontà, White ha risposto: «Mandami al Creatore, guardia». White era stato condannato il 26 agosto 1974 per aver ucciso, con un fucile d'assalto a ripetizione rubato il giorno prima, il proprietario di un piccolo emporio nei dintorni di Dallas e due suoi clienti durante la rapina fatta con due complici, James e Gary Livingston, condannati rispettivamente al carcere a vita e a 20 anni di reclusione. Scontata la pena Gary, che aveva fatto da palo, non ha retto al rimorso e si è tolto la vita nel 1986. La rapina aveva fruttato 66 dollari, sei trovati nel registratore di cassa e 60 nelle tasche dei clienti, due ragazzi di 18 anni che stavano pagando il conto di un pieno di benzina appena fatto per il loro furgone.

 

CLICCA SUL PULSANTE > QUI SOTTO PER PROSEGUIRE LA LETTURA DELL'ARTICOLO